Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
Elba notizie
Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
cerca nel sito »

informazioni »


 


STAMPA LOCALE

Camminando »

L'Altroparco »

Teleelba »

 


STAMPA NAZIONALE

Associazione Culturale  »

Corriere della sera »

Il sole 24 ore »

Repubblica  »

IN PRIMO PIANO

 

LA BALENA BIANCA. E LA CADUTA DELL'ULTIMO CASTELLO:




. la partita a scacchi della politica, dall'elba alla toscana
Claudio De Santi




 

MAGO CHIO' Vita e leggenda del Primo free - climber del Mondo di Giuliano Giuliani:




Mago Chiò era vissuto nella seconda metà dell’Ottocento. Nato a Portoferraio nell’Isola d’Elba qualche anno dopo l’Unita d’Italia in una delle vie più antiche della vecchia Cosmopoli ( nome che fu affibbiato alla città nei primi tempi della sua costruzione


 

Giuliano Giuliani "AFFANDAMENTO DELL'ANDREA SGARALLINO" :




la ricostruzione attraerso la voce dei protagonisti della più grande tragedia che abbia colpito una nave civile nel mediterraneo durante nell'ultimo comflitto mondiale


 

Affari e politica a Portoferraio di Giovanni MUTI:




Questo libro è per la verità e la giustizia!

Vittorio Sgarbi


 

“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno:




“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno che l’Editore il, Foglio Letterario di Piombino, ha portato alla Fiera del Libro di Torino.


 

IL FANTASTICO VIAGGIO DEL COMANDANTE GRASSI:




RACCONTO DI UN VIAGGIO IN CINA


 

Nuovo libro di Marcello Camici:




Nuovo libro di marcello Camici


 

IL NUOVO LIBRO DI LEONIDA FORESI:




UNA PARTE IMPORTANTE DELLA NOSTRA MEMORIA


 

una pubblicazione di Marcello Meneghin "ACQUEDOTTI Realtà e futuro" la descrizione documentata delle incongruenza degli acquedotti italiani culminante in perdite occulte pari alla metà dell’acqua totale prodotta,:




.


 


RASSEGNA STAMPA » NUOVO LIBRO DI MARCELLO CAMICI




NUOVO LIBRO DI MARCIELLO CAMICI


Riassunto
L’opera traccia una storia organica e completa della vicenda della chiesa di San Mamiliano nell’isola di Montecristo. La narrazione si apre con la guerra di Corsica cioè con quel tormentato periodo del millecinquecento in cui Spagna e Francia si contendevano il primato in Europa e il mar Tirreno settentrionale divenne uno dei campi di contesa. In questa guerra furono i territori insulari di Corsica e dell’arcipelago toscano a soffrirne e l’isola di Montecristo non si sottrasse. È infatti durante la guerra di Corsica che si colloca l’abbandono definitivo del monastero di San Mamiliano da parte dei monaci dopo l’incursione di Dragut rais alleato dei francesi.I monaci avevano abitato l’isola per circa mille anni.
Per far capire questo lungo periodo di vita monastica in Montecristo è stato necessario narrare la vita di Mamiliano, “vir Dei”, perché tutto iniziò quando egli nel V secolo dopo Cristo s’insediò nella solitaria isola granitica dove visse da eremita con pochi compagni. Mamiliano è un protagonista del monachesimo insulare tirrenico insieme con altri eremiti che vissero su altre isole: l’Autore e i Collaboratori narrano diffusamente di questo monachesimo. La narrazione poi si sviluppa sulle vicende riguardanti l’origine e lo sviluppo della vita eremitica sull’isola che si concretizzò con la nascita di un vero e proprio monastero con un abate, una regola religiosa dapprima benedettina e poi camaldolese. La narrazione si dipana lungo le lotte che insorsero per l’introduzione della regola di S. Romualdo: i monaci si opposero diventando ribelli al volere papale.
Infine si narra del periodo di massimo splendore e potenza del monastero intorno al milleduecento e della successiva decadenza con l’abbandono definitivo nel 1553. Le cause di questo definitivo abbandono sono narrate inquadrandole nella situazione politica europea ed italiana che si era andata sviluppando anche con l’ingresso sulla scena dell’impero ottomano per poi soffermarsi sulla figura di Dragut rais, sulla sua ferocia verso “i cani nazareni”, sulla vicenda della distruzione del monastero avvenuta nell’agosto del 1553, monastero che però era già in stato di forte decadenza e quasi del tutto abbandonato. Da allora giace in completo abbandono.
Il libro si può acquistare on line ai seguenti siti:
www.ibs.it www.webster.it www.unlibro.it
www.libreriauniversitaria.it www.senecaeditori.com





« indietro


IN PRIMO PIANO

 

DEGRADO. UN'OPERA ARTISTICA FATTA A PEZZI SUL MOLO SI PORTOFERRAIO di G.Muti :



La foto è stata scattata il 25 ottobre del 2014. Siamo [...]


 

ANCORA SUL DEGRADO DEL CENTRO STORICO PORTOFERRAIO UNA LUNGIMIRANTE ANALISI DI SERGIO BICECCI :



Questo articolo di Sergio Bicecci pubblicato nel 2013 è un [...]


 

AREA MARINA PROTETTA di Marcello Camici :



Ho sempre ritenuto e sostenuto che un’area protetta,sia marina che terrestre,sia solo uno dei modi per raggiungere l’obiettivo [...]


 

GURDARE “TERA TERA” E’ IMPORTANTE PER LA NOSTRA INCOLUMITA’. L’INCREDIBILE STORIA DELLA PIETRA DELLO SCANDALO di G.Muti (il Monello):



A seguito delle polemiche che ci sono state sul degrado dell’immobile Coppedè [...]


 

SFONDATO IL TETTO DEL COPPEDÈ: CHI STA SOTTO È IN PERICOLO. Ferrari e de Santi: “Qualcuno faccia qualcosa prima che sia troppo tardi” :



“Siamo tutti Pasquini”. Una battuta, forse, visto il riscontro che stanno avendo le proteste dei cittadini contro [...]


 

PORTOFERRAIO, L’AMMINISTRAZIONE ZINI, IL DEGRADO E LO SGUARDO “TERA TERA” di G.Muti:



E’ da qualche mese che l’Amministrazione di Portoferraio è [...]


 

ROMANO MENGINI PREMIATO ALLA FESTA DEL CENTRO SPORTIVO ITALIANO:



Premiazione del 1982 nella Sala della Provincia PORTOFERRAIO — Domenica 11 ottobre si svolgerà, presso [...]


 

I CINGHIALI, PER UN TERRITORIO, SONO O NON SONO UNA RISORSA ?:



(Al dilemma se i cinghili siano un problema od una risorsa si potrebbe rispondere che [...]


 

© 2020 ELBA NOTIZIE di Giovanni Muti - Via Giagnoni, 5 - 57037 Portoferraio (LI) - p.iva: 01631950498 - info@elbanotizie.it note legali