Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
Elba notizie
Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
cerca nel sito »

informazioni »


 


STAMPA LOCALE

Camminando »

L'Altroparco »

Teleelba »

 


STAMPA NAZIONALE

Associazione Culturale  »

Corriere della sera »

Il sole 24 ore »

Repubblica  »

IN PRIMO PIANO

 

LA BALENA BIANCA. E LA CADUTA DELL'ULTIMO CASTELLO:




. la partita a scacchi della politica, dall'elba alla toscana
Claudio De Santi




 

MAGO CHIO' Vita e leggenda del Primo free - climber del Mondo di Giuliano Giuliani:




Mago Chiò era vissuto nella seconda metà dell’Ottocento. Nato a Portoferraio nell’Isola d’Elba qualche anno dopo l’Unita d’Italia in una delle vie più antiche della vecchia Cosmopoli ( nome che fu affibbiato alla città nei primi tempi della sua costruzione


 

Giuliano Giuliani "AFFANDAMENTO DELL'ANDREA SGARALLINO" :




la ricostruzione attraerso la voce dei protagonisti della più grande tragedia che abbia colpito una nave civile nel mediterraneo durante nell'ultimo comflitto mondiale


 

Affari e politica a Portoferraio di Giovanni MUTI:




Questo libro è per la verità e la giustizia!

Vittorio Sgarbi


 

“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno:




“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno che l’Editore il, Foglio Letterario di Piombino, ha portato alla Fiera del Libro di Torino.


 

IL FANTASTICO VIAGGIO DEL COMANDANTE GRASSI:




RACCONTO DI UN VIAGGIO IN CINA


 

Nuovo libro di Marcello Camici:




Nuovo libro di marcello Camici


 

IL NUOVO LIBRO DI LEONIDA FORESI:




UNA PARTE IMPORTANTE DELLA NOSTRA MEMORIA


 

una pubblicazione di Marcello Meneghin "ACQUEDOTTI Realtà e futuro" la descrizione documentata delle incongruenza degli acquedotti italiani culminante in perdite occulte pari alla metà dell’acqua totale prodotta,:




.


 


ELBA 2000


Scrittore


biografia:
Questa è una prova


studi:
soiudaiu ygda


opere:




GLI ELBANI E ALA PUNIZIONE  DIVINA GLI ELBANI E ALA PUNIZIONE DIVINA

Il nubifragio del 2002, arrivato a settembre come tutte le disgrazie in quest'isola, era un segno del signore. Era, come dissero alcuni ambientalisti, una punizione divina contro gli elbani che avevano offeso l'ambiente e quindi il suo creatore: il dio dei cieli. Ed è da lì che è arrivato il diluvio purificatore che, nonostante il fango, avrebbe dovuto mondarci dai peccati. Secondo loro, il dio cristiano, che non vede il dolore e la disperazione nel mondo, si preoccuperebbe di come si costruisce al Viticcio. In ogni modo, giustizia era fatta. Lo scrissero giornali nazionali e locali e ne parlò lo stesso ministro dell'ambiente che, già nel mese di agosto dello stesso anno, aveva rilasciato un’intervista al Corriere della Sera in cui accusava gli elbani di essere un popolo di cementificatori. Da qual giorno, il tempo non ha avuto pietà di noi: bufere si sono abbattute su quest'isola investendo le facciate dei palazzi, sfondando le porte e le finestre, penetrando negli alberghi, nelle prefetture e negli uffici delle forze di sicurezza e in quelli tecnici comunali, ululando nei corridoi e risucchiando in vortici pratiche e impiegati, e portandoli lontano. L'isola è rimasta ferita nella sua immagine e viene guardata con sospetto, gli amici si allontanano e rischia di essere sempre più sola e più povera. Quest'isola, plasmata con il lavoro di molti da terra di emigrazione in uno dei siti turistici più prestigiosi del mediteranno, è stata poi trasformata, dallo stato, in un luogo sacro di protezione ambientale. Luogo delle ricchezze paesaggistiche e del meraviglioso vietato, luogo simbolico di frutti irraggiungibili, di pomi lucenti e avvelenati, luogo infestato da serpenti tentatori, da affaristi e malfattori e dunque controllato da guardie armate. Se la semplice infrazione di una regola, nel resto del territorio nazionale, è un peccato veniale, qui rischia di divenire cedimento alla tentazione e quindi peccato di empietà e macchia indelebile che porta alla perdizione. Così come una leggerezza, un errore, magari per la realizzazione di un diritto, rischia di diventare un reato che ti porta inesorabilmente in galera. E noi, poveri indigeni, ci muoviamo, incerti e spaventati, come anime perse fra alberi del bene e del male, tra gigli rossi delle sabbie e papaveri gialli delle dune, tra castagni centenari e gabbiani corsi veloci e alteri, avanzando guardinghi tra rospi smeraldini e cinghiali, cercando di schivare la nepitella nera di Grassera e il timo pallido di San Giovanni. E ci sentiamo sfiorati da finanzieri e carabinieri affannati in cerca di ladri e da prefetti vanitosi e avidi; da guardie verdi a cavallo e da quelle provinciali armate come marines e giustiziatici di cinghiali inermi; da politici delatori pentiti rovinati dall'ambizione e dall'invidia e dalla cattiveria, che si muovono a testa bassa per non farsi riconoscere. E incrociamo i giovani scoglionati senza casa e in cerca di un futuro e gli extracomunitari tristi in cerca d'affetto; e siamo tutti sotto tiro in quest'isola alla deriva e abbiamo gli occhi spaventati dei naufraghi. Tutti siamo bersagli di cecchini invisibili. Tutti, insieme agli architetti, ai geometri, ai tecnici e funzionari comunali onesti e preoccupati, ai sindaci, agli assessori, ai loro figli e nipoti; tutti spaventati, a passare notti insonni ad asciugare le lacrime delle mogli e delle ganze, in attesa dell'alba quando il campanello annuncerà l'arrivo dei carabinieri che ci porteranno alle Sughere. Ammanettati, come assassini. E noi, onesti e ingenui o corrotti fino alle ossa, siamo nelle mani dei “visi pallidi” che arrivano da Firenze o da Livorno. Noi, nella terra dei padri, li aspettiamo con tutti i tempi e ci sentiamo braccati e odiati come cinghiali e ci aggiriamo ormai senza speranza, dissetandoci con acqua avvelenata, e rimaniamo morenti sulla banchina, in attesa che dal cielo arrivi la salvezza (ma quando?). Tutto questo sembra non turbare molti di coloro che si accingono a diventare i futuri amministratori. Da quello che si vede, per loro non esistono problemi da risolvere ma poltrone da conquistare e personaggi da collocare. Speriamo di sbagliarci, altrimenti saranno tempi duri per tutti. Elba 2000 issioni inviata dad dal Commisasrio Daviddi




rrrrr RRRRR

rrrrr




DDD

ddddd




« indietro
IN PRIMO PIANO

 

GLI ANZIANI AL FREDDO E AL GELO ?:



Si legge in un post su CAMMINANDO : “Costretti da giorni al freddo ( e che freddo) a causa dei [...]


 

Le torte del panificio pasticceria Nocentini sbarcano in Giappone:



Proprio in questi giorni, le torte della pasticceria Nocentini arrivano in Giappone. La storica azienda elbana, ha fatto [...]


 

LA VICENDA RIESE, COLUCCIA, CHIASSONI E LE 8 DOMANDE SU FATTI INCONTROVERTIBILI E CONCRETI di Ivano Arrighi :



Chiassoni e a quanto pare anche Coluccia questa volta, dai e dai, e forse anche Alessi visto il suo “like” sull’articolo, [...]


 

ANCORA POLEMICHE DEI VECCHI AMMINISTRATORI DI RIO CONTRO DE SANTI E IL SUO IMPEGNO A PORTOFERRAIO IN DIFESA DI FERRARI di Andrea Ghini:



La vicenda di Rio è tornata sulle pagine dei giornali [...]


 

PORTOFERRAIO, L’AMMINISTRAZIONE CHE AVEVA NEL SUO PROGRAMMA LA SOLUZIONE DELL’ EMERGENZA ABITATIVA METTE IN VENDITA 3 APPARTAMENTI NEL CENTRO STORICO di Giovanni Fratini :



Nei giorni scorsi ho letto il bando con cui l’Amministrazione comunale annuncia di voler mettere in vendita alcuni [...]


 

IL LIBRI COME POLTRONE SOFA’ di Danilo Alessi:



Siamo un Paese dove più della metà degli abitanti non legge nemmeno un libro all’anno e undici milioni tra i 15 e i 64 anni [...]


 

INSUFFICENTI LE ASSUNZIONI FATTE DALLA REGIONE E DALL’ASL:



Livorno, 15 novembre 2020 In relazione alle assunzioni fatte dalla regione e dall'Asl durante il [...]


 

GRUPPO LEGA: “ IL CONSIGLIERE REGIONALE MARCO LANDI E’ IL PORTAVOCE DELL’OPPOSIZIONE: VOTO UNANIME DI TUTTO IL CENTRODESTRA” :



Il Consigliere regionale della Lega, Marco Landi, col voto unanime di tutto il Centrodestra, è stato eletto in qualità [...]


 

© 2020 ELBA NOTIZIE di Giovanni Muti - Via Giagnoni, 5 - 57037 Portoferraio (LI) - p.iva: 01631950498 - info@elbanotizie.it note legali