Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
Elba notizie
Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
cerca nel sito »

informazioni »


 


STAMPA LOCALE

Camminando »

L'Altroparco »

Teleelba »

 


STAMPA NAZIONALE

Associazione Culturale  »

Corriere della sera »

Il sole 24 ore »

Repubblica  »

IN PRIMO PIANO

 

LA BALENA BIANCA. E LA CADUTA DELL'ULTIMO CASTELLO:




. la partita a scacchi della politica, dall'elba alla toscana
Claudio De Santi




 

MAGO CHIO' Vita e leggenda del Primo free - climber del Mondo di Giuliano Giuliani:




Mago Chiò era vissuto nella seconda metà dell’Ottocento. Nato a Portoferraio nell’Isola d’Elba qualche anno dopo l’Unita d’Italia in una delle vie più antiche della vecchia Cosmopoli ( nome che fu affibbiato alla città nei primi tempi della sua costruzione


 

Giuliano Giuliani "AFFANDAMENTO DELL'ANDREA SGARALLINO" :




la ricostruzione attraerso la voce dei protagonisti della più grande tragedia che abbia colpito una nave civile nel mediterraneo durante nell'ultimo comflitto mondiale


 

Affari e politica a Portoferraio di Giovanni MUTI:




Questo libro è per la verità e la giustizia!

Vittorio Sgarbi


 

“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno:




“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno che l’Editore il, Foglio Letterario di Piombino, ha portato alla Fiera del Libro di Torino.


 

IL FANTASTICO VIAGGIO DEL COMANDANTE GRASSI:




RACCONTO DI UN VIAGGIO IN CINA


 

Nuovo libro di Marcello Camici:




Nuovo libro di marcello Camici


 

IL NUOVO LIBRO DI LEONIDA FORESI:




UNA PARTE IMPORTANTE DELLA NOSTRA MEMORIA


 

una pubblicazione di Marcello Meneghin "ACQUEDOTTI Realtà e futuro" la descrizione documentata delle incongruenza degli acquedotti italiani culminante in perdite occulte pari alla metà dell’acqua totale prodotta,:




.


 

SPIEGO PERCHE’ VOTERO’ NO AL REFERENDUM E PER GIANI ALLE REGIONALI di Giovanni Fratini

pubblicato giovedì 17 settembre 2020 alle ore 08:51:33


SPIEGO   PERCHE’  VOTERO’  NO  AL REFERENDUM E  PER  GIANI  ALLE   REGIONALI    di  Giovanni Fratini

 



Ho votato Sì alla riforma complessiva ed organica della Costituzione proposta dal Governo Renzi, purtroppo naufragata perché forse troppo complessa, ma soprattutto perché troppo politicizzata dallo stesso Renzi e voterò NO alla riforma proposta dal Movimento 5Stelle figlia di una becera antipolitica che ci farà risparmiare qualche “spicciolo” ma che non servirà a semplificare e migliorare il funzionamento del Parlamento ( Camera dei deputati e Senato ).



Sarebbe quanto mai necessario, invece, non un semplice taglio dei parlamentari, ma superare l’attuale  bicameralismo paritario, vale a dire un sistema istituzionale nel quale la Camera dei deputati e il Senato, sono l’una doppione dell’altro, svolgono le medesime funzioni : approvano le leggi e concedono o ritirano la fiducia ai Governi. E a disposizione dei deputati e dei senatori c’è una selva di Uffici e di personale impegnati a fare le medesime cose.Che senso ha? Il risultato è che se una proposta di legge approvata, ad esempio dalla Camera, viene anche minimamente modificata dal Senato deve ritornare alla Camera. E se i Deputati modificano ulteriormente il testo, si torna ancora al Senato. Questo “ping pong” per dare alla luce una legge cessa solo quando  Camera e Senato approvano finalmente il medesimo testo.Tutto questo è assurdo!  I Presidenti del Consiglio incaricati dal Capo dello Stato per formare un Governo devono esporre alla Camera il loro programma e dopo aver ottenuto la fiducia,  nella stessa gionata,  devono trasferirsi al Senato per ottenere una seconda fiducia leggendo la stessa relazione presentata ai Deputati. Un rituale inutile! E può anche succedere che un Governo debba dimettersi perché o alla Camera o al Senato non può contare più sulla maggioranza dei consensi. E dunque....... “crisi di Governo”. Che non fa certo bene al Paese.



Molti padri costituenti considerarono il Senato  “una inutile copia della Camera”.



Il Segretario del PD Zingaretti promette che, se vincerà il Sì, verrà subito proposto, con un nuovo referendum, il superamento di questo bicameralismo inutile. Ma questo avverrebe con una Camera che, pur avendo la grande responsabilità di legiferare, di sostenere o di far cadere un Governo, sarebbe  composta da soli 400 deputati e quindi scarsamente rappresenativa del Paese.



Dunque è auspicabile che vinca il No e che si dia il via ad una riforma   che elimini i 315 Senatori, riduca quindi il numero dei parlamentari ai soli 630 deputati e affidi al Senato  il compito di dare voce alle istituzioni locali, all’Italia dei Comuni e delle Regioni, così come avviene in Germania con il Bundesrat e in altri Paesi europei. Anche in questo caso si avrebbe una riduzione della spesa. Infatti i rappresentanti delle Regioni e dei Comuni, godendo già di una indennità, non percepirebbero quella fino ad oggi riconosciuta ai Senatori. Inoltre buona parte degli Uffici e del personale dipendente dal Senato, potrebbe lavorare per la Camera contribuendo ad accorciare i tempi di istruttoria dei provvedimenti legislativi. In sostanza si  darebbe vita ad un sistema istituzionale  più snello. Una democrazia lenta nel decidere, è una democrazia debole, che non sta al passo con i tempi che richiedono, invece, rapidità di decisione.



Risponderò, dunque, No al quesito referendario. Dirò, invece, Sì alla candidatura di Giani alla Presidenza della Regione, una figura di rilievo istituzionale di tutto rispetto, che ha ricoperto cariche importanti nel Comune di Firenze e in Regione. Avrei preferito, a dire la verità, una candidatura diversa, di un uomo o, meglio ancora di una donna che avesse dato il segno di una valida novità,  ma il  solo pensiero che Matteo Salvini, quello che  come Ministro dell’Interno non ha festeggiato il  25 aprile, che vuole chiudere i porti per salvare l’Italia dai migranti invasori,delinquenti e portatori del Covid,  che è implicato da tempo in discreti scandali finanziari, conquisti la Toscana, mi fa rabbrividire. E poi quest’anno ho un motivo particolare  per dire Sì alla coalizione di  centrosinistra. Tra i candidati alla carica di Consigliere regionale c’è finalmente una “elbana”, Antonella Giuzio, che conosco da una vita. Che ho sempre stimato per le sue doti personali e per le sue qualità politiche. Ampiamente dimostrate nei dieci anni in cui è stata Consigliere comunale e Assessore alla cultura nel Comune di Portoferraio.



Giovanni Fratini



 



 




« indietro - nuova ricerca

IN PRIMO PIANO

 

SFONDATO IL TETTO DEL COPPEDÈ: CHI STA SOTTO È IN PERICOLO. Ferrari e de Santi: “Qualcuno faccia qualcosa prima che sia troppo tardi” :



“Siamo tutti Pasquini”. Una battuta, forse, visto il riscontro che stanno avendo le proteste dei cittadini contro [...]


 

PORTOFERRAIO, L’AMMINISTRAZIONE ZINI, IL DEGRADO E LO SGUARDO “TERA TERA” di G.Muti:



E’ da qualche mese che l’Amministrazione di Portoferraio è [...]


 

I CINGHIALI, PER UN TERRITORIO, SONO O NON SONO UNA RISORSA ?:



(Al dilemma se i cinghili siano un problema od una risorsa si potrebbe rispondere che [...]


 

UN LETTORE DA TORINO : “MA QUANTI GIOVANNI MUTI CI SONO ALL’ELBA? E IL LIBRO CHI LO HA SCRITTO? :



Foto Giovavnni Muti detto il Monello Gentilissimo Sig. Muti Sono [...]


 

E' NATO SMART, SISTEMA MUSEALE DELL'ARCIPELAGO TOSCANO di Cecilia Pacini:



È stato costituito il nuovo S.M.A.R.T. Sistema Museale dell’Arcipelago Toscano. Con l’approvazione della convenzione [...]


 

VIVERE NEL CENTRO STORICO DI PORTOFERRAIO IN UNA PUNTUALE ANALISI DELL'EX SINDACO GIOVANNI FRATINI:



La vita nel centro storico non è fatta solo di rose e fiori, ma anche di qualche spina Rose e fiori. Ho a disposizione [...]


 

ESA COMUNICA IL CALENDARIO INVERNALE DEL "PORTA A PORTA" PER PORTOFERRAIO:



Esa spa ricorda ai gentili utenti del Comune di Portoferraio che dal 1° Ottobre entrerà in vigore il calendario invernale per [...]


 

PROBLEMATICHE SOLLEVATE SERVIZIO DI TPL ISOLA D’ELBA:



In relazione agli argomenti sollevati, l’Azienda si permette di osservare quanto di seguito riportato. Il [...]


 

© 2020 ELBA NOTIZIE di Giovanni Muti - Via Giagnoni, 5 - 57037 Portoferraio (LI) - p.iva: 01631950498 - info@elbanotizie.it note legali