Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
Elba notizie
Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
cerca nel sito »

informazioni »


 


STAMPA LOCALE

Camminando »

L'Altroparco »

Teleelba »

 


STAMPA NAZIONALE

Associazione Culturale  »

Corriere della sera »

Il sole 24 ore »

Repubblica  »

IN PRIMO PIANO

 

MAGO CHIO' Vita e leggenda del Primo free - climber del Mondo di Giuliano Giuliani:




Mago Chiò era vissuto nella seconda metà dell’Ottocento. Nato a Portoferraio nell’Isola d’Elba qualche anno dopo l’Unita d’Italia in una delle vie più antiche della vecchia Cosmopoli ( nome che fu affibbiato alla città nei primi tempi della sua costruzione


 

“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno:




“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno che l’Editore il, Foglio Letterario di Piombino, ha portato alla Fiera del Libro di Torino.


 

IL FANTASTICO VIAGGIO DEL COMANDANTE GRASSI:




RACCONTO DI UN VIAGGIO IN CINA


 

Nuovo libro di Marcello Camici:




Nuovo libro di marcello Camici


 

Affari e politica a Portoferraio di Giovanni MUTI:




Questo libro è per la verità e la giustizia!

Vittorio Sgarbi


 

Giuliano Giuliani "AFFANDAMENTO DELL'ANDREA SGARALLINO" :




la ricostruzione attraerso la voce dei protagonisti della più grande tragedia che abbia colpito una nave civile nel mediterraneo durante nell'ultimo comflitto mondiale


 

“BALENE ALL’ELBA” :





Balene all’Elba è il titolo di un libro di Antonello Marchese, adesso in vendita nelle librerie. Fin dalla presentazione che si è tenuta alla Gran Guardia di Portoferraio, ha suscitato un grande interesse.


 

IL NUOVO LIBRO DI LEONIDA FORESI:




UNA PARTE IMPORTANTE DELLA NOSTRA MEMORIA


 

una pubblicazione di Marcello Meneghin "ACQUEDOTTI Realtà e futuro" la descrizione documentata delle incongruenza degli acquedotti italiani culminante in perdite occulte pari alla metà dell’acqua totale prodotta,:




.


 

ULTIME DA MACONDO: IL "BLITZ" dal nostro inviato Michele Lotti

pubblicato giovedì 23 maggio 2019 alle ore 23:48:51


ULTIME DA  MACONDO:  IL

 



 



 



 



 



 



Arrivarono con le prime luci dell'alba, come sempre quando vengono per sbatterti in galera o per riportarti nel luogo da cui eri scappato, per sfuggire alla fame o alla guerra.



Il muezzin che si era affacciato dal minareto per chiamare la prima preghiera del giorno dovette stropicciarsi ripetutamente gli occhi, per essere sicuro che non si trattasse di una visione. Ma no, non era affatto una visione. Una sorta di Armada Invencible, di Grande y Felicisima Armada aveva circondato la moschea e si preparava a sferrare l'attacco decisivo.



 



L'operazione era guidata “di persona personalmente” (come direbbe Catarella) dal Podestà di Macondo che, in procinto di andare in pensione, aveva ritenuto opportuno compiere un altro gesto eclatante che i suoi concittadini di certo non avrebbero dimenticato. Se il podestà Pretini era stato il podestà dei record (primo podestà laureato, primo podestà suonatore di violino e primo podestà democristiano di una giunta comunista) il podestà Guerrieri sarebbe passato alla storia come il podestà dei gesti eroici: bagno a capodanno nelle acque gelide delle Ghiaie (sulle orme di Mussolini e Mao Tse Tung), primo consiglio comunale sullo sperduto isolotto di Montecristo, festeggiamento della vittoria elettorale dormendo sotto una tenda in cima al Monte Capanne.



 



Lo schieramento di forze era imponente. Reparti del 185° Gruppo di Artiglieria da campagna della Folgore avevano minacciosamente puntato le loro bocche da fuoco contro la moschea. Altrettanto avevano fatto i mostruosi panzer Tigre, dietro ai quali si stavano preparando nuclei speciali del 5° battaglione della Folgore El Alamein e  i mitici “incursori” del 9° battaglione di assalto Col. Moschin, sempre della Folgore.



 



Alla banchina di alto fondale era stata fatta attraccare la portaerei Garibaldi, carica di aerei, elicotteri e marò pronti ad intervenire in caso necessità.



 



Il podestà guidava le operazioni dall'alto, a bordo del potente elicottero Agusta pilotato dal Vicepodestà. Si sarebbe calato con un cavo e sarebbe sceso nel minareto. Indossava una tuta mimetica da combattimento, un elmetto alla John Wayne nel film “Il giorno più lungo”, baionetta al polpaccio, 44 magnum appesa al cinturone e bazooka a tracolla (ma qualche malalingua insinuava che non avesse mai fatto nemmeno il servizio militare).



 



Diede il via all'operazione. Cominciò a calarsi mentre l'elicottero rimaneva fermo sulla moschea e i reparti, al grido di guerra di “Folgore! Folgore!” iniziarono ad avvicinarsi e a prepararsi ad irrompere all'interno dei locali.



 



I poveri diavoli uscirono impauriti, uno dietro l'altro, con le braccia alzate. Erano una decina. Il materiale che si trovava nella moschea, compresi oggetti personali e stufe per riscaldarsi, venne caricato su dei camion con una gru e portato via.



 



I “pericolosi” immigrati sarebbero stati impacchettati e rimpatriati su degli zatteroni.



 



Sulla sua pagina facebook il Capitano scrisse immediatamente: “Complimenti al Podestà Guerrieri. Il suo gesto è assimilabile alle imprese di Balbo e D'Annunzio. Prima gli italiani. Me ne frego degli immigrati. Gli regalerò dieci magliette con la ruspa sul petto”.



 



Ma non tutti furono così entusiasti dell'ennesimo atto eroico del Podestà. Qualcuno criticò l'operazione dicendo che era un pessimo esempio di allocazione delle risorse pubbliche.



 



Qualcun altro fece osservare che tutto poteva essere risolto in modo diverso, con minori costi e minore dispendio di energie, ma con maggiore rispetto dei principi di umanità e solidarietà. Bastava coinvolgere i servizi sociali e, insieme a loro, cercare una soluzione dignitosa per dieci poveracci che vivevano vendendo cianfrusaglie e recuperando l'euro dai carrelli della Coop.




« indietro - nuova ricerca

IN PRIMO PIANO

 

IL PENSIERO DEL CANCELLO, O IL CANCELLO DEL PENSIERO di Angelo Mazzei:



Tra le cose importanti da mettere in pratica quando si desidera valorizzare il patrimonio della propria terra, è certo la "narratività". Persone [...]


 

"UN GIORNO . . . UNA PAGINA" uno spazio agli scrittori. Oggi VITO RIBAUDO presenta un brano da “L’ELBANO” :



L’isola d’Elba è il teatro in cui viene ambientata la misteriosa vicenda narrata da Vito Ribaudo, isola che frequenta [...]


 

LA CULTURA DELLA GABBIA E I SUOI EFFETTI di G.Muti:



Nel suo ultimo articolo, l’ ex sindaco di Portoferraio Giovanni Fratini solleva, tra altre [...]


 

DEDICATA A CAVO – una iniziativa per non dimenticare il passato, quale radicamento dei valori. :



Lunedì 5 agosto, con inizio alle ore 22.00, in un tratto di spiaggia sul Lungomare Kennedy a Cavo, l'ASSOCIAZIONE [...]


 

ITALIA NOSTRA CONTRO L'AMPLIAMENTO DEL PORTO DI PORTOFERRAIO:



Ampliamento del porto e grandi navi, Italia Nostra: "un fallimento per l’Elba" Scritto da Italia Nostra Arcipelago Toscano Venerdì, [...]


 

LE ASSOCIAZIONI ELBANE PER LA SALUTE INCONTRANO LA DIREZIONE AZIENDALE AREA VASTA NORD OVEST:



Le associazioni elbane impegnate sulla salute al tavolo con la Direzione Aziendale dell’Area Vasta Nord Ovest Scritto da Le associazioni [...]


 

AI GIARDINI DI CARPANI FESTA E SOLIDARIETA'.:



Venerdì 2 agosto alle ore 19,30 ai Giardini di Carpani ci sarà una festa enogastronomica dove si potranno gustare [...]


 

VINCENZO ONORATO SUL REGISTRO INTERNAZIONALE PER L’INCONTRO CON GLI ARMATORI VOLUTO DAL MINISTERO DEI TRASPORTI :



“Il Direttore Generale del Ministero dei Trasporti, Mauro Coletta, [...]


 

© 2019 ELBA NOTIZIE di Giovanni Muti - Via Giagnoni, 5 - 57037 Portoferraio (LI) - p.iva: 01631950498 - info@elbanotizie.it note legali