Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
Elba notizie
Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
cerca nel sito »

informazioni »


 


STAMPA LOCALE

Camminando »

L'Altroparco »

Teleelba »

 


STAMPA NAZIONALE

Associazione Culturale  »

Corriere della sera »

Il sole 24 ore »

Repubblica  »

IN PRIMO PIANO

 

MAGO CHIO' Vita e leggenda del Primo free - climber del Mondo di Giuliano Giuliani:




Mago Chiò era vissuto nella seconda metà dell’Ottocento. Nato a Portoferraio nell’Isola d’Elba qualche anno dopo l’Unita d’Italia in una delle vie più antiche della vecchia Cosmopoli ( nome che fu affibbiato alla città nei primi tempi della sua costruzione


 

“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno:




“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno che l’Editore il, Foglio Letterario di Piombino, ha portato alla Fiera del Libro di Torino.


 

IL FANTASTICO VIAGGIO DEL COMANDANTE GRASSI:




RACCONTO DI UN VIAGGIO IN CINA


 

Nuovo libro di Marcello Camici:




Nuovo libro di marcello Camici


 

Affari e politica a Portoferraio di Giovanni MUTI:




Questo libro è per la verità e la giustizia!

Vittorio Sgarbi


 

Giuliano Giuliani "AFFANDAMENTO DELL'ANDREA SGARALLINO" :




la ricostruzione attraerso la voce dei protagonisti della più grande tragedia che abbia colpito una nave civile nel mediterraneo durante nell'ultimo comflitto mondiale


 

“BALENE ALL’ELBA” :





Balene all’Elba è il titolo di un libro di Antonello Marchese, adesso in vendita nelle librerie. Fin dalla presentazione che si è tenuta alla Gran Guardia di Portoferraio, ha suscitato un grande interesse.


 

IL NUOVO LIBRO DI LEONIDA FORESI:




UNA PARTE IMPORTANTE DELLA NOSTRA MEMORIA


 

una pubblicazione di Marcello Meneghin "ACQUEDOTTI Realtà e futuro" la descrizione documentata delle incongruenza degli acquedotti italiani culminante in perdite occulte pari alla metà dell’acqua totale prodotta,:




.


 

RITA POGGIOLI VICE UN PREMIO IMPORTANTE CON UN RACCONTO SU MAGO CHIO’ di Giuliano Giuliani

pubblicato sabato 27 aprile 2019 alle ore 14:37:28


RITA  POGGIOLI VICE  UN PREMIO IMPORTANTE  CON UN RACCONTO  SU  MAGO CHIO’   di  Giuliano Giuliani

 



 



Siamo venuti a conoscenza che la scrittrice Rita Poggioli ha vinto il primo premio nella sezione bambini per i Racconti nella Rete 2018 con la narrazione intitolata “Mago Chiò”.



La notizia ci ha fatto molto piacere perché proprio nel 2018 si festeggiavano i 130 anni della scalata di Mago Chiò o Mago Chiò Gioia sulla Cupola del Brunelleschi di Firenze: prima ed unica arrampicata libera nella storia di una disciplina sportiva all’epoca sconosciuta.



Come autore della pubblicazione “Mago Chiò” - Vita e Leggenda del Primo Free-Climbing del Mondo -  e come elbano, debbo congratularmi con Rita Poggioli per questo bel premio, e per aver pensato - usando la sua fervida fantasia e il tono e la delicatezza che si conviene per i più piccoli - di far conoscere alle nuove generazioni questo straordinario e leggendario personaggio elbano.



Rita Poggioli è un insegnante e vive a Portoferraio. Queste le sue pubblicazioni: “Napoleone: il mio imperatore”; “Passannante. Il prigioniero della torre”; “Il mio amico Scarabò”; “Colori nel buio” e “Nella pancia e nel cuore”.



 



Nell’occasione vi ricordiamo che la pubblicazione “MAGO CHIO’”  - Vita e Leggenda del Primo Free-Climbing del Mondo – la potete trovare nelle Librerie di Portoferraio.



 



Qui di seguito il racconto



 



 



 



                           “Mago Chiò” di Rita Poggioli



 



“C’era una volta, in una piccola isola, un mago che non sapeva far uscire i conigli dal cappello, né preparare colorate porzioni magiche e neanche trasformare, con un tocco di bacchetta, ranocchi in principi.



L’unica magia che riusciva a fare era scalare torri, fortezze, fari, campanili, castelli con grande agilità. Quando saliva su, era così veloce e sicuro che sembrava che i suoi piedi si piantassero nel muro, per questo motivo si faceva chiamare Mago Chiò (chiodo).



Non era né bello né brutto, né alto né basso, né magro né grasso, ma attirava l’attenzione di chiunque se lo trovasse di fronte perché era un personaggio un po’ bislacco, sia per la sua andatura goffa e dondolante, che per il suo modo stravagante di vestire. Sopra i pantaloni bianchi metteva una lunga casacca dello stesso colore, stretta in vita da una corda legata a doppio. In testa portava tutto l’anno un pesante cappello nero, che si calava fin sopra gli occhi e che allacciava stretto sotto il mento. Ma ciò che completava il suo abbigliamento erano due oggetti che portava ovunque. Il primo pendeva dalla sua cintura ed era un contenitore con tanto di tappo, dove aveva messo della vernice bianca e un pennello. Il secondo lo stringeva sempre in mano ed era una vecchia trombetta scassata, che aveva preso chissà dove o rubato a chissà chi, che annunciava con un segnale stridulo e inconfondibile il suo arrivo.



Quando andava per le campagne, si faceva precedere dal suono della sua trombetta e i contadini lo riconoscevano da lontano e si passavano parola: ”Attenzione, arriva il mago!”.



Talvolta facevano finta di non accorgersi di lui e gli lasciavano rubare qualcosa da mangiare dai loro campi, per sfamarsi. Altre volte lo rincorrevano arrabbiati, gridando di lasciare ciò che aveva preso. Per tutta risposta il ladruncolo suonava la sua tromba, dileguandosi in fretta. Sicuramente non aveva tutte le rotelle a posto, ma quando saliva in alto, tutti lo guardavano incantati perché pareva riuscisse quasi a toccare le nuvole. E sapete cosa faceva ogni volta che arrivava lassù in cima?



Tirava fuori il pennello e con la vernice bianca, a lettere cubitali, lasciava la sua firma:



MAGO CHIO’.



Scriveva lentamente e si impegnava tanto perché, dovete sapere che lui non era mai andato a scuola e quelle erano le uniche parole che sapesse fare. Ma dopo tutta quella fatica, com’era bello accorgersi che tutti, guardavano verso l’alto e parlavano di lui.



– Ehi guardate lassù!



– Che coraggio!



– Ma come avrà fatto?



– E’ eccezionale!



- Chi è?



- Dicono che si chiami Mago Chiò!



Qualcuno si meravigliava della sua capacità, perché le sue imprese sembravano incredibili, ma non potevano certo esserci dei dubbi, perché una volta arrivato a centinaia di metri d’altezza, ad un passo dal cielo, lasciava il suo nome.



Era abituato da sempre ad essere l’ultimo, ma quando si arrampicava, si trasformava in Mago Chiò, il meraviglioso funambolo.



Fu proprio all’apice del suo effimero successo che conobbe Eleonora, una ragazza bellissima e se ne innamorò perdutamente, al primo sguardo.



Il suo cuore conobbe un’emozione nuova, mai provata prima e giorno e notte pensò come poterla conquistare. Sapeva che non sarebbe bastata semplicemente una dichiarazione d’amore e neanche una romantica serenata. Si accorgeva di non essere bello, né intelligente, né elegante, quindi decise che avrebbe compiuto per lei un’impresa straordinaria, al confine dell’incredibile, che l’avrebbe certamente sbalordita e lo avrebbe fatto apparire come un eroe coraggioso e forte.



Pensò di scalare le fortezze del suo paese e una volta arrivato in cima di scrivere, con la solita vernice bianca non il suo nome, ma quello dell’amata, in modo che tutto il paese potesse vederlo dal basso. Pensò a lungo a quale zona delle mura scalare, poi decise che si sarebbe arrampicato sul bastione del Forte Stella, dalla parte del faro, indubbiamente quella più a picco sul mare. Non lo spaventava assolutamente salire fin lassù, l’importante era che la scritta fosse leggibile da quanta più gente possibile e lassù l’avrebbero potuta vedere anche coloro che, con la nave, arrivavano per mare nell’isola. Mago Chiò però sapeva scrivere soltanto il suo nome, come poteva fare?



Per fortuna da qualche tempo era diventato amico di un illustre pittore di Livorno, un certo Telemaco, che pazientemente accettava di portarlo in giro con sé e sapeva sopportarne le sue stramberie con disinvoltura.



Il mago chiese al pittore di insegnargli a scrivere il nome della ragazza di cui era innamorato, e lui glielo scrisse in un grosso cartone, in modo che potesse trascriverlo molte volte fino ad impararlo a memoria.



Ricopiò mille volte quel nome finché non fu sicuro di saperlo scrivere alla perfezione e poi si sentì felice come se avesse scalato la torre più alta del mondo. Era sicuro che Eleonora, appena avesse visto il suo nome sulle mura, avrebbe ricambiato il suo amore.



La ragazza, quando seppe che un famoso mago era perdutamente innamorato di lei, pensò alla fortuna di essere stata la prescelta tra tante e volle subito incontrarlo, immaginandolo bello, ricco e famoso.



Quando però se lo trovò davanti, prima lo guardò ben bene, poi sorridendo gli chiese:



– E voi sareste il celebre mago?



– Sì signorina, sono proprio il Mago Chiò. – le rispose lui, sicuro di sé.



– E che tipo di magie sapete fare?



– Mi arrampico molto in alto.



– Tutto qui? – chiese lei



- So scalare torri, campanili, fortezze e castelli.



- E poi che fate?



- Dopo essere salito su, scrivo sempre il mio nome: Mago Chio’



- E come lo scrivete



- Con il pennello e la vernice bianca. Vedete ce li ho qui. – disse toccando il contenitore che teneva appeso alla sua cintura.



- Scommetto che sapete scrivere solo questo…



- No, scriverò il vostro nome sul bastione più alto delle Fortezze.



Eleonora, guardandolo fisso, cominciò a ridere a crepapelle. Più lo guardava e più rideva, senza riuscire a smettere.



Mago Chiò per un po’ la fissò stupito, poi senza salutare si allontanò, deluso dal comportamento della ragazza, che si era presa chiaramente gioco di lui.



Quella notte, annunciato dalla sua trombetta, il funambolo cominciò la scalata del Forte Stella, accanto al bellissimo faro che guardava verso il golfo. Arrivato in cima, prese il pennello e fece una lunga linea bianca verticale, poi si fermò perché non ricordava più le lettere che avrebbe dovuto scrivere.



Il giorno dopo Eleonora, che aveva visto quel segno sul bastione, lo cercò e gli chiese:



– Come mai non avete scritto il mio nome?



– Ho bisogno di tempo. Lo farò sicuramente stanotte. – rispose il mago



– Non importa – ribatté la ragazza – tanto domani lascerò per sempre quest’isola e raggiungerò la città, dove andrò in sposa ad un ricco signore.



Mago Chiò, sentendo quelle parole, rimase mortificato, ma non si perse d’animo e le rispose mettendosi una mano sul cuore:



– Prima della vostra partenza, scriverò sulle fortezze per voi, lo giuro.



Per tutto il giorno si preparò, copiando e ricopiando quello che avrebbe dovuto scrivere quella notte, poi si incamminò verso le mura. Salì velocemente, come solo lui sapeva fare, e una volta su, cercò di completare ciò che aveva scritto la notte precedente.



Alla fine del lavoro era molto stanco, ma contento e se ne tornò a casa.



La mattina dopo Eleonora partì per raggiungere la città dove si sarebbe sposata. Durante la traversata, si affacciò all’esterno della nave, spinta dalla curiosità di vedere cosa ci fosse scritto sul bastione.



Sul muro c’era il nome del mago e non ne fu sorpresa. In fondo non si aspettava niente da quel pezzente, ma quando un raggio di sole illuminò le mura, il suo cuore ebbe un sussulto. Poco sopra la firma apparve un messaggio per lei: ADDIO AMORE



Chissà se la vernice di quello strano personaggio era davvero magica?



Da quel momento Mago Chiò diventò invisibile, fu cercato ovunque per mare e per terra, ma nessuno lo vide più, forse sparì per sempre dentro la leggenda incantata che lui stesso si era creato e che oggi vi ho raccontato”.



 



 



 



  RITA   POGGIOLI



 



Rita Poggioli è nata e vive all’ Isola d’Elba dove insegna nella scuola Primaria Cesare Battisti.



Da sempre molto interessata e attenta conoscitrice della narrativa per i ragazzi, dirige da molti anni laboratori per ragazzi di Animazione alla lettura ed è stata Coordinatrice di Circoli di studio e di Progetti in rete per i docenti del suo Istituto.



Scrive da sempre fiabe, filastrocche, racconti e romanzi per bambini e adulti.



 



Libri pubblicati:                                                                                                                                                    



Nel 2012 “Il mio Imperatore”, un libro per ragazzi, premiato nel luglio del 2014 dal Comitato Letterario Internazionale R.Brignetti.                                                                                         



 Nel 2015 il romanzo storico “Passannante. Il prigioniero della torre” Edizioni Agemina Firenze.                                                                                                                                                    



 Nel 2016, “Nella pancia e nel cuore”,  Edizioni Paoline, una serie di filastrocche sulle emozioni.                                                                                                                                                  



 Nel 2017  “Il mio amico Scarabò” edizioni Il mulino a vento Raffaello.                                                                                                                  



 Nel 2018  è stata selezionata dalla Gribaudo/Feltrinelli per una collaborazione come autrice con la scuola di illustrazione Ars in Fabula di Macerata.



 



 



 




« indietro - nuova ricerca

IN PRIMO PIANO

 

INCONTRO DI LEGAMBIENTE CON I CANDIDATI SINDACI: UN NUOVO E INTERESSANTE RITO AMBIENTALISTA di Marco Sollapi :



Mi trovavo a Portoferraio da qualche giorno così ho voluto seguire l’incontro [...]


 

SI E’ COSTITUITO IL COMITATO “AUTOTUTELA 2000”:



In data 12.05.219 nel coso di un incontro tra alcuni fondatori del Movimento [...]


 

SOCCORSO ROSSO di Ruggero Barbetti :



Per aiutare la lista Montagna in grande difficoltà di [...]


 

Caro Ruggero...Se non c’erano le elezioni comunali il dissalatore lo avresti già fatto fare ! di Luciano Gri:



Il sindaco Barbetrti a nome della Commissione del comune di Capoliveri il 24-07-2017 scrive al’AIT (Autorità Idrica Toscana) [...]


 

RIO, IL CIRCOLO PD RIO MARINA E CAVO, SCRIVE AL SINDACO SULLA GRADUATORIA E TARIFFE D’ORMEGGIO PER I RESIDENTI. :



La graduatoria per l’assegnazione dei posti barca ai residenti nel comune di Rio, finora riservata solo a coloro che abitano nei paesi [...]


 

RITA POGGIOLI VICE UN PREMIO IMPORTANTE CON UN RACCONTO SU MAGO CHIO’ di Giuliano Giuliani :



Siamo venuti a conoscenza che la scrittrice Rita Poggioli ha vinto il primo premio nella sezione bambini per i Racconti nella [...]


 

RUGGERO BARBETTI: “ESSERE O NON ESSERE” . . . . “SAPERE O NON SAPERE” di G. Muti :



La vicenda del dissalatore con Sapere che entra nella lista elettorale di Barbetti [...]


 

PAOLA MANCUSO RISPONDE ALLE CRITICHE RIVOLTE DA LUCIANO GERI A ITALO SAPERE:



Caso Sapere" Paola Mancuso replica a Luciano Geri Scritto da Paola Mancuso Lunedì, 22 Aprile 2019 18:24 Mi corre l'obbligo [...]


 

© 2019 ELBA NOTIZIE di Giovanni Muti - Via Giagnoni, 5 - 57037 Portoferraio (LI) - p.iva: 01631950498 - info@elbanotizie.it note legali