Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
Elba notizie
Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
cerca nel sito »

informazioni »


 


STAMPA LOCALE

Camminando »

L'Altroparco »

Teleelba »

 


STAMPA NAZIONALE

Associazione Culturale  »

Corriere della sera »

Il sole 24 ore »

Repubblica  »

IN PRIMO PIANO

 

NAPOLEONE E IL RISORGIMENTO ITALIANO di Marcello Camici :




«L'Europa sarebbe diventata di fatto un popolo solo; viaggiando ognuno si sarebbe sentito nella patria comune… Tale unione dovrà venire un giorno o l'altro per forza di eventi.


 

L'ALTRA RIVA DEL MARE di Danilo Alessi:






In quest ’ultimo lavoro di Danilo Alessi uscito per i tipi di Persephone Edizioni, un uomo e una donna, si incontrano e si innamorano, vivendo contemporaneamente altri luoghi e le sponde di molti mari mentre, un recente passato, irrompe dalle pagine “intime” ma “collettive” di “L’altra riva del mare”


 

IL GUARDIACACCIA DI Marcello Meneghin:




Il romanzo di Marcello Meneghin è un intreccio di storie vere e di invenzione o meglio di supposizioni. È la ricerca del nome di un assassino. Un intreccio immaginario che si sposa bene con la magia delle montagne.


 

L'ELBA UNA COLONIA :




L'opuscolo "L'ELBA UNA COLONIA" contiene "L'INTERVISTA A MR. X " E " IL PIANO" dove viene analizzata una situzione che mirava a realizzare un piano di colonizazione che avrebbe smantellato e portato, oltre canale, tutti centri direzionali dall'ufficio turistico APT, ai servizi idrici e alla Sanità ecc E anche come gli elbani sarebbero stati sistematicamente esclusi da ogni incarico direttivo. Visto che tutto si è relizzato come previsto, questa pubblicazione ha avuto un valore profetico.

L'OPUSCOLO PUO' ESSERE INTERAMENTE SCARICATO


 

MAGO CHIO' Vita e leggenda del Primo free - climber del Mondo di Giuliano Giuliani:




Mago Chiò era vissuto nella seconda metà dell’Ottocento. Nato a Portoferraio nell’Isola d’Elba qualche anno dopo l’Unita d’Italia in una delle vie più antiche della vecchia Cosmopoli ( nome che fu affibbiato alla città nei primi tempi della sua costruzione


 

Giuliano Giuliani "AFFANDAMENTO DELL'ANDREA SGARALLINO" :




la ricostruzione attraerso la voce dei protagonisti della più grande tragedia che abbia colpito una nave civile nel mediterraneo durante nell'ultimo comflitto mondiale


 

“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno:




“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno che l’Editore il, Foglio Letterario di Piombino, ha portato alla Fiera del Libro di Torino.


 

Affari e politica a Portoferraio di Giovanni MUTI:




Questo libro è per la verità e la giustizia!

Vittorio Sgarbi


 

LA BALENA BIANCA. E LA CADUTA DELL'ULTIMO CASTELLO:




. la partita a scacchi della politica, dall'elba alla toscana
Claudio De Santi




 

IL FANTASTICO VIAGGIO DEL COMANDANTE GRASSI:




RACCONTO DI UN VIAGGIO IN CINA


 

Nuovo libro di Marcello Camici:




Nuovo libro di marcello Camici


 

IL NUOVO LIBRO DI LEONIDA FORESI:




UNA PARTE IMPORTANTE DELLA NOSTRA MEMORIA


 

GOVERNO DI PORTOFERRAIO DALLA SUA FONDAZIONE IL GOVERNATORE E IL REGOLAMENTO DEI SALUTI DA FARSI DALLE MURA MEDICEO-LORENESI CON LE NAVI DA GUERRA E GALERE ESTERE di Marcello Camici

pubblicato sabato 20 novembre 2021 alle ore 09:21:26


GOVERNO DI PORTOFERRAIO DALLA SUA FONDAZIONE 

IL GOVERNATORE E IL REGOLAMENTO DEI SALUTI DA FARSI DALLE MURA MEDICEO-LORENESI CON LE NAVI DA GUERRA E GALERE ESTERE



Parte undicesima





Tra i compiti del Governatore di Portoferraio è quello del saluto alle navi di stati esteri che arrivano nel porto .A queste navi spettano al loro arrivo tutta una serie di saluti che devono essere eseguiti secondo un preciso regolamento.





Vincenzo Coresi del Bruno,nel 1729,annota con estremo dettaglio quali sono le “Istruzioni da farsi sopra i saluti alli Stendardi e Padiglioni Regi la quale si è copiata in miglior carattere e corretta da quella lasciata dal Sig Maestro di Campo Nardi,nella quale sono compresi anche i saluti della navi particolari da guerra “(pg 32 di “Zibaldone di Memorie” di Vincenzo Coresi del Bruno.1729.Copia dell’originale.Biblioteca comune Portoferraio ). 



Il saluto alle navi estere era importante

Deve essere eseguito in forma corretta.



 Lo si evince da lettera del 1705 manoscritta al governatore di Portoferraio dal marchese Anton Francesco Montauti



“ Al Gov.re Del Nero Porto

Ill.mo Sig.re Mio Pron. Col.mo Il Ser.mo Granduca Padrone e Signore vuole che per quello che riguarda i saluti da rendersi alla galere sensili di Francia mi ha commesso di scrivere al Sig Gov.re di Livorno che renda avvisata VS Ill.ma della forma con cui si regola quella piazza nella restituzione dei saluti a dette Galere Sensili e che VS Ill.ma si contenga in avvenire nel modo che verrà a lei additato dal Sig Gov.re di Livorno al quale incarico che le dia notizia il più sollecitamente possibile..

Di Firenze

Lì 10 ottobre 1705 Anton Francesco Montauti “ (Filza “Lettere diverse sin all’anno 1709 al tempo dell’Ill.mo Sig Barone Alessandro del Nero 1701-1709” Carta n 211. Archivio del governo di Portoferraio 1553-1799.Carteggio del governatore.Archivio storico comune Portoferraio)





Pochi anni dopo nel 1724,una lettera manoscritta dal governatore di Portoferraio ed inviata a Firenze al marchese Carlo Rinuccini, segretario di guerra e consigliere di stato, ripropone la questione dei saluti da farsi alle navi estere che arrivano a Portoferraio





“Lettera scritta al Marchese Rinuccini il di 20 luglio 1724

Partecipo a VS Ill.ma come comparve in questo porto due galere di Napoli il mattino de 14 corrente

comandate dal sig tenenete colonnello Pietro Mesara Perazzo,ancorandosi avanti questa Darsena et avendo salutato questa piazza con quattro tiri di cannone il Castellano della Linguella le rese il saluto con due tiri. Il comandante subito mandò ambasciata che a Livorno e Genova li era stato reso il saluto con tre tiri; () subito questo Sig Maggiore perché riconoscesse di quanto s’agiva sopra di ciò e che secondo di usanza facesse eseguire onde dopo essersi informato del contegno stato praticato colle galere del papa e con quelle di Francia trovò esservi a questo reso il saluto con tre tiri e così ne fece sparare un altro che compì il numero di tre e su la parola e asserzione del comandante delle suddette galere del Papa ed i Francia come segue ancora di questo di Napoli han tenuto un tal contegno e per quanto sento essere stato approvato di costà l’operato e per essere questa galere dell’imperatore non pare che si possa competere meno che agli altri e se il caso si desse che la galere di Spagna andassero in questo porto vi è apparenza che non prederanno di meno vi sono poi quelle del re di Sardegna che non so quali pretensioni potessero avere”                       



Nel maggio del 1816 in un carteggio tra Spannocchi ,governatore di Livorno, e Strasoldo,governatore militare e civile dell’Elba ritorna la questione del regolamento dei saluti da farsi alle navi in arrivo nel porto di Portoferraio.



In questa lettera il governatore di Livorno afferma che il Regolamento dei Saluti gli è stato richiesto dal sig      Maggiore Fabbroni della Piazza di Portoferraio ma che lui lo invia al Governatore dell’Elba ,Strasoldo “onde potrà dare a chi spetta gli ordini correlativi perché sia egualmente adottato nei Porti di codesta Isola”



. “Eccellenza



Contando già felicemente arrivata V.E. in codesta Piazza,ed esigendo la regolarità e la convenienza che dalla sola di lei autorità si diramino gli ordini e le partecipazioni occorrenti fra i suoi subalterni ,io credo opportuno di indirizzare a V.E. la copia del Regolamento dei Saluti che mi ha richiesta con sua lettera del 12 stante codesto Sig.re Maggiore Fabbroni. Questo stesso Regolamento è quello che tuttora qui si pratica,onde V.E. potrà dare a chi spetta gli ordini perché sia egualmente adottato nei Posti di codesta isola. Mi permetta poi che io mi  i questa circostanza per rassegnarle i sentimenti di quella distinta considerazione e stima



Di Vostra Eccellenza



Dalla R. Segreteria di Governo di Livorno



Lì 16 maggio 1816



Dev.mo Obbl.mo Serv.re Spannocchi”



(Affari generali del Governo dell’isola d’Elba anno 1816.Filza 1. Carta 26.Archivio storico comune Portoferraio)



Allegato alla presente lettera è un dettagliato regolamento dei saluti del granducato di Toscana per

l’ingresso delle navi da guerra e di galere estere nel porto di Livorno.

Porta la data del 1768 e viene adottato anche al porto di Portoferraio :



 Regolamento dei Saluti fra la Piazza di Livorno e le navi da Guerra e Galere Estere.



Tutte le navi da Guerra di Teste Coronate,del Gran Signore delle Repubbliche di Venezia e di Olanda,e della Religione di Malta di qualunque rango sieno,dal Grande Ammiraglio fino alle Servili inclusivamente, saluteranno anteriormente la Piazza e lo Stendardo di S.A.R. che sarà inalberato sulla fortezza e gli sarà risposto con egual numero di tiri,restando in libertà è delle medesime il salutare con quel numero che più lor piacerà.



La galera Capitana di Genova saluterà anteriormente la Piazza e le sarà risposto con un tiro meno. La Galera Padrona e le Galere Servili di Genova saluteranno pure anteriormente la Piazza e gli sarà risposto con due tiri di meno.



Rispetto agli Sciabecchi,barche o altri bastimenti da guerra purchè siano Armamenti Regi e comandati da     Uffiziale di Re,si terrà lo stesso metodo che con le Navi o Galere giacchè s’intende fatto il saluto non alla nave o a chi la comanda,ma al Padiglione che è lo stesso sopra qualunque Bastimento. Dai bastimenti Mercantili e Corsari non si esigerà saluto né si inalbererà Stendardo e quando lo facciano,purchè non sia minore di 5 tiri,gli sarà risposto con Mascoli e con la seguente proporzione Di 3 o 4 tiri si renderà zero



Di 5 o 6 tiri si renderà 2

Da 6 in 8 “ “ 3

Da 8 in 10 “ “ 4

Da 10 in 12 “ “ 5

Da 12 in 14 “ “ 6



Da 14 in 16 “ “ 7

Da 16 in 18 “ “ 8

Da 18 in 19 “ “ 9

E per ogni saluto maggiore non si renderà più che Mascoli 9.

Questo Cerimoniale con I Mercantili e Corsari si praticherà solamente con le Navi o altri Bastimenti che portano casse e vengono segnate dal Fanale; ma alle barche o altri bastimenti non sarà reso verun saluto. I Corsari Barbareschi amici saranno trattati per il saluto come i Bastimenti della Repubblica di Genova.

Firenze Lì 24 Maggio 1768

Firmato F.Orsini Rosenberg

Per Copia Conforme

Il Segretario del Governo di Livorno.

Lodovico Pigni “

(Idem come sopra)

Il Mascolo è il classico cannone che viene usato per le sparate durante le parate militari

I Bastimenti Corsari sono navi armate per combattere e predare in mare altri bastimenti.

Sono bastimenti armati di tutto punto per fare la cosidetta “guerra di corsa” che si distingue dalla guerra di corsa condotta dai pirati,perché l’armamento del bastimento è riconosciuto ed eseguito sotto preciso ordine e regolamento di qualche stato.

E’ con “lettera di marca” o” patente di corsa” che viene consentito ad un armatore o padrone di

bastimento di poter predare altri dopo aver armato tale bastimento dietro la lettera di marca

Sono cioè bastimenti che operano la “guerra di corsa” sotto il controllo dello stato che ha concesso loro di diventare Corsari.





F.Orsini Rosenberg è un diplomatico e politico austriaco che fu maggiordomo maggiore del granduca di Toscana Pietro Leopoldo





Sciabecco è imbarcazione con tre alberi a vela. Usato spesso per trasporto merci



MARCELLO CAMICI



 





( Portoferraio. Mura mediceo-lorenesi. Fronte di attacco. Porta d'ingresso al FRaggione)



 





(Portoferraio. Mura mediceo-lorenesi.Fronte di attacco. In primo piano cortina muraria del baluardo della Tenaglia visto da via Ninci.Dietro la Tenaglia c’è il bastione della carciofaia.Davanti la Tenagliaci sono le troniere del bastione di S Alessandro.)




« indietro - nuova ricerca

IN PRIMO PIANO

 

RIO, INTERVENTO A DIFESA DELL'AMMINISTRAZIONE DELL'ASSESSORE SIMONETTA SIMONI :



Mi permetto di intervenire sulle vicende che sono presenti sui vari blog e giornali on line e dicerie di cattivo gusto che [...]


 

IL PROGRAMMA DEL MAGNETIC OPERA FESTIVAL :



Isola d’Elba 4- 21 luglio 2021 Settima edizione I “Carmina Burana”, due opere (“L’Elisir [...]


 

RIO , INTERVENTO CRITICO DEL CAPOGRUPPO DI MINORANZA UMBERTO CANOVARO SUL BILANCIO PREVENTIVO 2021 :



E’ sempre un piacere sottolineare la “ completezza” dei resoconti dei consigli comunali, che escono dal Comune [...]


 

INFOELBA PRESENTA LA NUOVA GUIDA DELL’ELBA:



. In vista della prossima stagione estiva, infoelba presenta il suo nuovo progetto editoriale: Guida Isola d’Elba, la nuova guida turistica [...]


 

COSMOPOLI HA DAVVERO BISOGNO DI RINASCERE, E NON PUO’ ATTENDERE OLTRE:



Franca Rosso Il nostro bel capoluogo elbano, ricco di storia e di cultura, sta versando [...]


 

LA NOSTRA SANITA' APPLICATA VIAGGIA A VELOCITA' VARIABILE. Da cuore pulsante come impegno e determinazione a segnare il passo per esitazioni e forse indecisioni. di Francesco Semeraro :



La sanità territoriale, anche se ha ancora alcune cose da risolvere come lo spostamento del Consultorio, sta viaggiando [...]


 

Aeroporto. Le idee e le proposte ci sono, spetta alle Autorità locali renderle fattibili e concrete:



Ing. Boccardo - Amministratore Alatoscana S.p.A. Con la convinzione che i progetti infrastrutturali importanti e determinanti [...]


 

A Rio, il Bicentenario della morte dell’Imperatore Napoleone e il letto imperial di Andrea Lunghi:



In occasione del Bicentenario della morte dell’Imperatore Napoleone I, il Comune di Rio, l’Associazione Culturale Persephone e l’Associazione [...]


 

© 2022 ELBA NOTIZIE di Giovanni Muti - Via Giagnoni, 5 - 57037 Portoferraio (LI) - p.iva: 01631950498 - info@elbanotizie.it note legali