Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
Elba notizie
Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
cerca nel sito »

informazioni »


 


STAMPA LOCALE

Camminando »

L'Altroparco »

Teleelba »

 


STAMPA NAZIONALE

Associazione Culturale  »

Corriere della sera »

Il sole 24 ore »

Repubblica  »

IN PRIMO PIANO

 

“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno:




“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno che l’Editore il, Foglio Letterario di Piombino, ha portato alla Fiera del Libro di Torino.


 

Nuovo libro di Marcello Camici:




Nuovo libro di marcello Camici


 

Affari e politica a Portoferraio di Giovanni MUTI:




Questo libro è per la verità e la giustizia!

Vittorio Sgarbi


 

Giuliano Giuliani "AFFANDAMENTO DELL'ANDREA SGARALLINO" :




la ricostruzione attraerso la voce dei protagonisti della più grande tragedia che abbia colpito una nave civile nel mediterraneo durante nell'ultimo comflitto mondiale


 

“BALENE ALL’ELBA” :





Balene all’Elba è il titolo di un libro di Antonello Marchese, adesso in vendita nelle librerie. Fin dalla presentazione che si è tenuta alla Gran Guardia di Portoferraio, ha suscitato un grande interesse.


 

IL NUOVO LIBRO DI LEONIDA FORESI:




UNA PARTE IMPORTANTE DELLA NOSTRA MEMORIA


 

una pubblicazione di Marcello Meneghin "ACQUEDOTTI Realtà e futuro" la descrizione documentata delle incongruenza degli acquedotti italiani culminante in perdite occulte pari alla metà dell’acqua totale prodotta,:




.


 

MALANDRONE MOBILI :






TUTTO CIO' CHE TI PUO' SERVIRE PER ARREDARE LA TUA CASA CON PRODOTTI DI QUALITA' A PREZZI IMBATTIBILI


 

ORA RIFLETTIAMO SU MORTOFERRAIO di Angelo Mazzei

pubblicato martedì 12 giugno 2018 alle ore 00:14:27


ORA   RIFLETTIAMO SU    MORTOFERRAIO   di  Angelo Mazzei

“Mortoferraio, sì, voglio iniziare proprio da qui”. Si tratta di una figura retorica che si chiama “paronomasia”. Nello specifico si tratta di una “deformazione paronimica satirica”. In questo modo un anonimo volgare chiamò vezzeggiandola la storica città di Portoferraio, sostiduendone una lettera con un'altra.



Premetto che non sono ferrajese, e che non posso e non voglio entrare nei dati di fatto singolari di questa o quella amministrazione comunale, vicina o lontana, presente o passata. Osservo dall'alto dei miei 350 metri sopra il livello del mare – Tirreno. Con gli occhi da Tirreno, e l'anima fossile, troppo antica ormai, più di un reperto di Valerio Corvino. Quello che si vede da qui non è per nulla morto. Da qui, anzi, vedo il traffico, il tran tran, il complesso non-luogo del porto di un'isola col suo meraviglioso va' e vieni. Vedo la geometria complessa di una città sacra che nella più vecchia storia dell'occidente è – non malvagia, ma – rifugio degli eroi.



Qui, probabilmente, se non in qualche altra baia di ghiaie dell'isola d'Elba, gli Argonauti trovarono riparo, qui, stremati poterono riposarsi, sudati detergersi i corpi, trovare ristoro dopo mille peripezie. Ecco, forse proprio il fatto che questa nostra storia la veda io da quassù ma pochi tra quelli che in questa città vivono immersi, è sintomatico di quanto questa sia stata dimenticata. Quantomeno, non ricordata come si deve da chi dovrebbe averne scienza come un albero ne ha delle proprie radici.



Hanno ragione quindi i ferrajesi nell'avere torto – di destra o di sinistra che siano – quando sostengono o sostenevano l'emergenza di questo fenomeno smemonico. Pur scambiando l'oblio con la morte, - forse solo per l'esigenza parechetica che richiede la parola porto per trasformarsi in morto, - essi hanno la virtù di aver coscienza che le cose non stanno come dovrebbero stare. Se solo capissero che quel “Morto” che antepongono a “Ferraio” è il segno che indica la distanza da se stessi. La distanza del qui ed ora dal qui dimenticato, “luogo dei luoghi”, loro origine.



No, non è un nostalgico romanticismo che muove il mio ragionamento, ma una progettazione per un avvenire migliore. Rispolverare le nostre origini serve a renderci più saggi, come persone, e più ricchi come cittadini. La soluzione è una sola: strutturare una narrazione di 'quello che siamo' attraverso il racconto del 'da dove veniamo'. Tradotto, significa riprogettare i fondamenti strategici delle nostre politiche amministrative mettendo al centro di tutto la valorizzazione del nostro patrimonio culturale.



Il primo evento di uomini che l'occidente abbia mai saputo raccontare a se stesso dopo tante teogonie. Il lungo viaggio degli Argonauti, i “nonni” di quegli stessi eroi che combatterono la grande ed epica Guerra di Troia trentadue o trentatre secoli or sono. Questo segna il fondamento del progetto di risveglio della memoria perduta, unico punto di partenza possibile per una nuova ed autentica coscienza civica, qualità irrinunciabile di chiunque voglia ridare vita a ciò che sembra definitivamente morto.



Valorizzare, valorizzare e valorizzare. Ogni singola pietra che abbia più di qualche secolo. Ogni singola storia antica che anche solo accenni a noi, all'Elba, Ilva, Aethalia; a Portoferraio, Fabricia, Portus Argus, limèn Argòos. Questa è la sola vera promozione turistica. Qui andrebbero spesi tutti i soldi delle tasse di sbarco. Lancio un'idea per cominciare, scriviamo su tutti i cartelli stradali sotto al nome moderno di "PORTOFERRAIO" il suo nome greco

ενθα λιμην Αργωος




« indietro - nuova ricerca

IN PRIMO PIANO

 

ARCIPELAGO CULTURA: IL SECONDO FORUM E IL VALORE DELL’EREDITÀ CULTURALE:



A Portoferraio domenica scorsa Arcipelago Cultura, la rete delle associazioni dell’Arcipelago Toscano, ha messo in cantiere la Carta [...]


 

DEL TORTO PORTA IN CONSIGLIO LA MOZIONE “PORTOFERRAIO PLASTIC FREE”:



Il problema dell'inquinamento dei nostri mari e della diffusione di residui di plastica sulle spiagge elbane è da sempre [...]


 

IL SINDACO CORSINI ALL’ASSOCIAZIONE GEOMETRI ELBANI : “ ABBIAMO TROVATO UNA SITUAZIONE FINANZIARIA GRAVISSIMA .. NE STIAMO USCENDO CON UNA FATICA IMMANE ”:



Sulla nomina dell’arch. Sandra Maltinti a responsabile dell’urbanistica nel nuovo comune [...]


 

I SINDACI TROVERANNO UN "ACCORDICCHIO" PER GESTIRE IL "MALLOPPO" GAT di Giovanni Fratini:



Riusciranno i nostri 7 “piccoli” eroi a trovare la quadra sul contributo di sbarco? Penso proprio di sì, ma non perché [...]


 

LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA AI SINDACI SULLA GAT : "ATTENTI. . .NON STATE FACENDO GLI INTERESSI DI CHI VI HA ELETTO" :



Il Comune Unico non siamo riusciti a farlo, ma il comportamento tenuto dai sindaci o dai loro rappresentanti [...]


 

REPLICA DI FERRARI A BARBETTI: " ATTENZIONE . . SOLO I COMUNI DI RIO E PORTOFERRAIO SONO LEGITTIMATI A INCASSARE LA TASSA DI SBARCO. LE CONTINUE MINACCE POTREBBERO COSTRINGERCI A FARLO :



vedo mio malgrado costretto a rispondere al dott. Barbetti in conseguenza di un suo commento nel quale mette in evidenza tutta la sua non conoscenza [...]


 

GRANDE BLUFF DEL WATER FRONT , PERSI 15 ANNI IN CHIACCHIERE. di Luigi Lanera:



. Ci preoccupiamo , sperando di non essere accusati di voler ricoprire anche la carica di presidente della Port Autority,, del problema [...]


 

INCONTRO ALL’ACCADEMIA DEL BELLO DI POGGIO SUL PROGETTO “STAFFETTA LAMPEDUSA – MONTE BIANCO":



Domenica 11 novembre a Poggio presso l’Accademia del Bello si sono riuniti i “Messaggeri del Mare” nelle [...]


 

© 2018 ELBA NOTIZIE di Giovanni Muti - Via Giagnoni, 5 - 57037 Portoferraio (LI) - p.iva: 01631950498 - info@elbanotizie.it note legali