Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
Elba notizie
Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
cerca nel sito »

informazioni »


 


STAMPA LOCALE

Camminando »

L'Altroparco »

Teleelba »

 


STAMPA NAZIONALE

Associazione Culturale  »

Corriere della sera »

Il sole 24 ore »

Repubblica  »

IN PRIMO PIANO

 

“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno:




“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno che l’Editore il, Foglio Letterario di Piombino, ha portato alla Fiera del Libro di Torino.


 

Nuovo libro di Marcello Camici:




Nuovo libro di marcello Camici


 

Affari e politica a Portoferraio:




Questo libro è per la verità e la giustizia!

Vittorio Sgarbi


 

Giuliano Giuliani "AFFANDAMENTO DELL'ANDREA SGARALLINO" :




la ricostruzione attraerso la voce dei protagonisti della più grande tragedia che abbia colpito una nave civile nel mediterraneo durante nell'ultimo comflitto mondiale


 

“BALENE ALL’ELBA” :





Balene all’Elba è il titolo di un libro di Antonello Marchese, adesso in vendita nelle librerie. Fin dalla presentazione che si è tenuta alla Gran Guardia di Portoferraio, ha suscitato un grande interesse.


 

IL NUOVO LIBRO DI LEONIDA FORESI:




UNA PARTE IMPORTANTE DELLA NOSTRA MEMORIA


 

una pubblicazione di Marcello Meneghin "ACQUEDOTTI Realtà e futuro" la descrizione documentata delle incongruenza degli acquedotti italiani culminante in perdite occulte pari alla metà dell’acqua totale prodotta,:




.


 

CONDANNA DELLA CORTE DI CONTI, DANILO ALESSI REPLICA A DE SANTI SUL PARCHEGGIO ALDO MORO

pubblicato venerdì 13 aprile 2018 alle ore 23:45:50


CONDANNA  DELLA  CORTE DI  CONTI, DANILO ALESSI  REPLICA A DE SANTI SUL  PARCHEGGIO  ALDO MORO

Danilo Alessi, sindaco di Rio Elba   dal  2009 al 2014,    risponde  molto  duramente a Claudio De Santi suo successore   alla guida  del piccolo comune ,  che si  dimise   nel  2017  per l’impossibilità     fare  fronte   alla  grave  crisi  finanziaria    ereditata dalle  precedenti amministrazioni.   Adesso     le  verifiche   contabili da   parte   della Corte dei Conti   si sono  concluse  con una  condanna   contro  alcuni   funzionari    e amministratori.



Commentando  la sentenza   Claudio  De Santi  il  chiariva: “Non mi interessa la sentenza e certamente non esprimo giudizi, mi  interessa invece quanto correttamente già riportato a proposito della denuncia fatta d’ufficio dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento Affari Regionali, che io sapevo e non potevo divulgare perché vi era il segreto istruttorio che oggi viene meno.

Questo dimostra definitivamente ed irrevocabilmente che la mia Amministrazione era del tutto estranea a denunce e delazioni, e che l’avermi additato come il mandante di queste era solo disinformazione o attività della peggiore politica”.

Danilo Alessi   non  condivide,  risponde  ed   analizza la vicenda  soprattutto in  riferimento al  parcheggio  Aldo  Moro



 



 



Ciò che resta del gran polverone sollevato ad arte in questi ultimi indecenti quattro anni, è solo e nient’altro che il provvedimento amministrativo sentenziato dalla Corte dei Conti per il presunto danno erariale relativo al progetto del parcheggio di Via Aldo Moro.

Su questa vicenda c’è intanto da dire che si tratta di una prima sentenza avverso alla quale è nostra intenzione fare ricorso per impugnarla di fronte alle Sezioni Centrali d’Appello, dopo di che ciascuno potrà esprimere correttamente il proprio giudizio. E’ bene però chiarire subito che la mia Amministrazione altro non ha fatto che assumere nel 2010 un mutuo per il finanziamento del suddetto parcheggio e poi di mantenerlo in essere anche nel 2012 con una delibera del Consiglio comunale, peraltro approvata all’unanimità e quindi anche dai consiglieri di minoranza, anch’essi oggi soggetti a sentenza.

Tale decisione fu assunta con l’intenzione di utilizzarlo per l’opera prevista o anche per altre opere, così come in seguito nel 2016 ha fatto la stessa amministrazione De Santi destinando quel mutuo a progetti, poi non realizzati, relativi alla viabilità e alla manutenzione straordinaria del Cimitero e del Teatro Garibaldi. Nel merito del ricorso ci sarà anche da evidenziare il motivo per cui il danno erariale viene addebitato alla mia Amministrazione per tutto il periodo che va dal 2010 al 2016, quando è noto che dal giugno 2014 al 31 dicembre del 2016 la responsabilità della gestione del mutuo non era più di mia competenza.

In quanto alla situazione finanziaria del Comune, che sarebbe stata così disastrata da provocare le dimissioni del Sindaco e dell’intero consiglio comunale, i fatti stanno dimostrando il contrario, tant’ è che nel giro di appena un mese dal suo insediamento, il commissario prefettizio ha risposto ai rilievi della Corte dei Conti chiarendo ogni cosa e senza avere alcun riscontro di procedimenti fallimentari. E ciò avvalendosi della stretta collaborazione di quella funzionaria del Comune che il Sindaco aveva estromessa e umiliata e che ora è di nuovo nel pieno delle sue funzioni di dirigente dell’ufficio finanziario.

E’ il caso di rilevare, infine, che da un po’ di tempo a questa parte l’arch. De Santi ama apporsi in petto alcune medaglie che di fatto risultano farlocche.

La prima è quella di vantarsi di aver spodestato la sinistra dal comune di Rio. In realtà è la sinistra che, dividendosi, gli ha consentito di vincere le elezioni con un voto che è inferiore alla somma dei voti delle altre due liste. Da ciò si deduce che con la sinistra unita ben altro sarebbe stato il risultato.

La seconda è quella di aver contribuito all’affermazione della destra ed in particolare di Forza Italia in quanto personaggio popolare nel riese e candidato al Parlamento nelle ultime elezioni politiche, dove tra l’altro ne è uscito trombato. Ma le cifre dimostrano ben altra realtà, se è vero che dal 2013 ad oggi Forza Italia risulta dimezzata, passando dai precedenti 508 voti agli attuale 252.

Infine la medaglia del referendum, lui che per tre anni lo ha bellamente ignorato, andando a braccetto con Capoliveri e ricorrendo all’accordo con Rio Marina solo quando aveva bisogno di un alibi per giustificare la sua indecorosa fuga e per di più venendo meno ai suoi obblighi morali e istituzionali con l’abbandono del Comune alcuni mesi prima dell’esito referendario.





Danilo Alessi



 




« indietro - nuova ricerca

IN PRIMO PIANO

 

MESSAGGERI DEL MARE: STAFFETTA, FILMATO CON RAI E SOSTEGNO ALLA LOTTA CONTRO L'ITTIOSI LAMELLARE DA PRESENTARE A MATTARELLA:



Avanti tutta con la staffetta nazionale pro piccoli ospedali, da avviare nel prossimo inverno insieme a Cgil, Cisl, [...]


 

LE CONDOGLIANZE DEL SINDACO FERRARI PER LASCOMPRSA DI ANGIOLINO VAI:



E’ scomparso nella mattinata di venerdì 7 settembre 2018 nella sua abitazione di Portoferraio Angiolino Vai, 95 anni, decano dei [...]


 

DAL MANUALE DI “ Elba 2000 “ , COME “INSULTARE” IN MODO ONESTO di G. Muti:



Nelgi ultimi giorni abbiamo letto di amministratori che, sentendosi insultati, minacciano [...]


 

NAPOLEONE E MARIA WALEWSKA AL ROMITORIO DELLA MADONNA DEL MONTE:



Domenica 2 settembre sarà una giornata particolare al Romitorio della Madonna del Monte poichè Sua Maestà Napoleone e [...]


 

EMERGENZA SANITARIA: SE VERO, E’ UN FATTO GRAVISSIMO di Movimento Elba 2000:



Ci sono arrivati una serie di elementi dai quali è possibile ricostruire una vicenda che, [...]


 

DENUNCE RIESI. " L'AV. CORSINI NON DOVREBBE SPRECARE IL SUO PREZIOSO TEMPO ALLA CACCIA ALLE STREGHE". di Ivano Arrighi :



il Dr. Corsini, neo sindaco di Rio, non ci da informazioni su come intende evitare possibili disastri in caso di bombe d'acqua [...]


 

ANCORA NEI GUAI IL VICE PREFETTO DAVETI:



( Fonte: Cuoio in diretta.it) Livorno 22.08.18 Secondo le indagini, grazie all'aiuto di un dipendente della [...]


 

COLPO DI SCENA ALLA CONFERENZA DEI SINDACI SULLA SANITA’: BARBETTI SUSTITIUSCE FERRARI :



PORTOFERRAIO — La nomina è arrivata al termine di una riunione della conferenza dei sindaci che si è [...]


 

© 2018 ELBA NOTIZIE di Giovanni Muti - Via Giagnoni, 5 - 57037 Portoferraio (LI) - p.iva: 01631950498 - info@elbanotizie.it note legali