Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
Elba notizie
Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
cerca nel sito »

informazioni »


 


STAMPA LOCALE

Camminando »

L'Altroparco »

Teleelba »

 


STAMPA NAZIONALE

Associazione Culturale  »

Corriere della sera »

Il sole 24 ore »

Repubblica  »

IN PRIMO PIANO

 

“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno:




“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno che l’Editore il, Foglio Letterario di Piombino, ha portato alla Fiera del Libro di Torino.


 

Nuovo libro di Marcello Camici:




Nuovo libro di marcello Camici


 

Affari e politica a Portoferraio:




Questo libro è per la verità e la giustizia!

Vittorio Sgarbi


 

Giuliano Giuliani "AFFANDAMENTO DELL'ANDREA SGARALLINO" :




la ricostruzione attraerso la voce dei protagonisti della più grande tragedia che abbia colpito una nave civile nel mediterraneo durante nell'ultimo comflitto mondiale


 

“BALENE ALL’ELBA” :





Balene all’Elba è il titolo di un libro di Antonello Marchese, adesso in vendita nelle librerie. Fin dalla presentazione che si è tenuta alla Gran Guardia di Portoferraio, ha suscitato un grande interesse.


 

IL NUOVO LIBRO DI LEONIDA FORESI:




UNA PARTE IMPORTANTE DELLA NOSTRA MEMORIA


 

una pubblicazione di Marcello Meneghin "ACQUEDOTTI Realtà e futuro" la descrizione documentata delle incongruenza degli acquedotti italiani culminante in perdite occulte pari alla metà dell’acqua totale prodotta,:




.


 

“LA MIA IDEA SUI CINGHIALI: LA COMPLETA GESTIONE IN LOCO DELLE TONNELLATE DI CARNI ORA DESTINATE ALTROVE” di Sergio Bicecci

pubblicato lunedì 5 febbraio 2018 alle ore 16:24:31




“LA MIA  IDEA  SUI  CINGHIALI: LA COMPLETA GESTIONE IN LOCO DELLE TONNELLATE DI CARNI ORA  DESTINATE ALTROVE”  di Sergio Bicecci

 



Leggendo l’ultimo numero del “Corriere Elbano” si ha le sensazione di una rinnovata linea editoriale.  La figura e la caratura del nuovo Direttore, dott. Guido Paglia, e il suo vissuto professionale confermerebbe questa prima impressione.  Non solo e, qui nasce la mia attenzione, nel firmare il primo numero, affrontando il problema della presenza dei cinghiali e dei mufloni all’Elba, confermerebbe non soltanto l’urgenza e l’importanza del tema tanto da farne una prima piccola inchiesta, quanto averne stabilito la priorità fra le tante lacune elbane. Personalmente ringrazio. Infatti Il “Corriere” Intervista Marcello Bellini Responsabile dei Cacciatori e il Presidente del Parco  dott. Sammuri.  I lettori sanno quanto più volte ho scritto in proposito, ricevendo innumerevoli consensi.  Idee, le mie,  finalizzate alla completa gestione in loco delle tonnellate di carni ora destinate altrove.  Idee destinate alla creazione di posti di lavoro, alla realizzazione di prodotti DOP esportabili e utili alla promozione del nome Elba. Ovvio che la relativa concretizzazione presupporrebbe  un intervento privato, convinto come sono, che stiamo parlando di un patrimonio e di una ricchezza che fino ad oggi altri ne hanno goduto. Ove mancassero iniziative locali  le Autorità preposte hanno ricevuto, a suo tempo, anche una dichiarazione di interesse ad esaminare eventuali proposte. Desti attenzione quanto viene sottolineato da un articolo sullo stesso quindicinale ove si afferma che il costo per l’abbattimento di un muflone può variare da 385 a 3000 euro, che per un cinghiale adulto si può arrivare  fino a mille euro. Recentemente abbiamo saputo che negli ultimi anni sono stati catturati vivi oltre  10.000 esemplari. Ecco perché penso che l’Elba possegga una ricchezza da gestire diversamente.



Sono pertanto condivisibili le proposte di Marcello Bellini, ove auspica una maggiore attività venatoria della caccia ai cinghiali-mufloni, finalizzata anch’essa ad un turismo che genererebbe, seguendo esempi continentali,  maggiore ricchezza e occupazione anche nella creazione di attività commerciali per la caccia (abbigliamento, armi, munizioni etc.)   Quanto sopra presupporrebbe la creazione di un mattatoio con assunzione di  personale adeguatamente specializzato. Tali ipotesi sarebbero tipici vaneggiamenti se gli abbattimenti non fossero programmati nella quantità e nel genere, roba da specialisti i cui interventi sarebbero via via corretti  nel tempo. In buona sostanza la riduzione scientificamente programmata e mantenuta dei capi farebbe si che gli animali potrebbero trovare di che soddisfarsi all’interno dei boschi, venendo così a cessare invasioni in luoghi abitati evitando tanti incresciosi incidenti.   Rimane il fatto che, dopo dieci anni di status quo, dopo oltre 10000 capi esportati, e immagino circa un migliaio di capi abbattuti dai nostri cacciatori, lo stato dell’arte non è sicuramente migliorato creando, è vero, anche danni ambientali.  Sono aumentati invece i danni ed i pericoli alle persone. Frutto di un strategia decennale sbagliata? E tutto questo quanto è costato? Penso sia arrivato il tempo che le Amministrazioni aprano un dialogo-confronto con l’Ente Parco e tutte le Autorità competenti e che si trovi concordemente la giusta soluzione, che concili sia l’ambiente, è vero, ma anche l’economia generale dell’Elba fin qui  ingiustamente trascurata, a mio modesto avviso.



Sergio Bicecci 05/02/18




« indietro - nuova ricerca

IN PRIMO PIANO

 

GLI EX AMMINISTRATORI DI RIO NELL'ELBA RICORRONO CONTRO LA SENTEZZA DELLA CORTE DEI CONTI:



I sottoscritti ex consiglieri della lista “Uniti per Rio”, preso atto della sentenza con la quale la Corte dei Conti ha [...]


 

“Il Piano Sanitario che viene pesantemente attaccato e criticato in questi giorni non è il piano di Mario Ferrari, ma della Conferenza dei Sindaci dell’Isola d’Elba sulla sanità”. :



Così il primo cittadino di Portoferraio commenta quanto apparso in questi giorni sulla stampa in merito al nuovo Piano Sanitario [...]


 

LA DISSONANZA COGNITIVA di Ivano Arrighi:



Perché persone mediamente intelligenti, magari anche al di sopra della media, si ostinano al di la di ogni ragionevolezza a [...]


 

CONDANNA DELLA CORTE DI CONTI, DANILO ALESSI REPLICA A DE SANTI SUL PARCHEGGIO ALDO MORO :



Danilo Alessi, sindaco di Rio Elba dal 2009 al 2014, risponde molto duramente a Claudio De Santi [...]


 

PUBBLICATA LA SENTENZA SULLA VICENDA RIESE. De Santi “ Adesso è definitivamente e irrevocabilmente dimostrato che la mia Amministrazione era del tutto estranea a denunce:



Rio Elba - La Sezione Giurisdizionale per la Toscana della Corte dei Conti, ha condannato alcuni ex funzionari, amministratori [...]


 

LUNGA CODA AL CUP... IL TAGLIO DEGLI SPORTELLI AL SABATO GENERA DISAGI. UN ULTERIORE DISSERVIZIO PER UN'UTENZA GIA' PROVATA.:



Sabato 7 aprile scorso davanti all'unico sportello aperto e operativo del CUP (centro unico di prenotazione dell'ospedale) [...]


 

LE PERNICI DI PIANOSA E ALTRI PERICOLI PER L'AMBIENTE di Michelangelo Zecchini :



Tempo fa il dott. Giacinto Mosso ha espresso un' opinione nettamente sfavorevole all'eradicazione di pernici e fagiani da Pianosa. [...]


 

Cosa faremmo mai senza il Corriere Elbano ? di Franca Rosso:



Ancora una volta il Corriere Elbano non si smentisce. Mi riferisco all’articolo apparso sull’ultimo numero, relativamente ai lavori [...]


 

© 2018 ELBA NOTIZIE di Giovanni Muti - Via Giagnoni, 5 - 57037 Portoferraio (LI) - p.iva: 01631950498 - info@elbanotizie.it note legali