Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
Elba notizie
Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
cerca nel sito »

informazioni »


 


STAMPA LOCALE

Camminando »

L'Altroparco »

Teleelba »

 


STAMPA NAZIONALE

Associazione Culturale  »

Corriere della sera »

Il sole 24 ore »

Repubblica  »

IN PRIMO PIANO

 

MAGO CHIO' Vita e leggenda del Primo free - climber del Mondo di Giuliano Giuliani:




Mago Chiò era vissuto nella seconda metà dell’Ottocento. Nato a Portoferraio nell’Isola d’Elba qualche anno dopo l’Unita d’Italia in una delle vie più antiche della vecchia Cosmopoli ( nome che fu affibbiato alla città nei primi tempi della sua costruzione


 

“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno:




“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno che l’Editore il, Foglio Letterario di Piombino, ha portato alla Fiera del Libro di Torino.


 

IL FANTASTICO VIAGGIO DEL COMANDANTE GRASSI:




RACCONTO DI UN VIAGGIO IN CINA


 

Nuovo libro di Marcello Camici:




Nuovo libro di marcello Camici


 

Affari e politica a Portoferraio di Giovanni MUTI:




Questo libro è per la verità e la giustizia!

Vittorio Sgarbi


 

Giuliano Giuliani "AFFANDAMENTO DELL'ANDREA SGARALLINO" :




la ricostruzione attraerso la voce dei protagonisti della più grande tragedia che abbia colpito una nave civile nel mediterraneo durante nell'ultimo comflitto mondiale


 

“BALENE ALL’ELBA” :





Balene all’Elba è il titolo di un libro di Antonello Marchese, adesso in vendita nelle librerie. Fin dalla presentazione che si è tenuta alla Gran Guardia di Portoferraio, ha suscitato un grande interesse.


 

IL NUOVO LIBRO DI LEONIDA FORESI:




UNA PARTE IMPORTANTE DELLA NOSTRA MEMORIA


 

una pubblicazione di Marcello Meneghin "ACQUEDOTTI Realtà e futuro" la descrizione documentata delle incongruenza degli acquedotti italiani culminante in perdite occulte pari alla metà dell’acqua totale prodotta,:




.


 

DISSALATORE, ALL'ELBA CON "IL CERINO ACCESO IN MANO" Tra ricorsi e controricorsi il TAR al momento ha accolto le motivazioni della ASA, tanto che i lavori per l’ installazione del dissalatore di Mola dovrebbero riprendere in questi giorni di Alberto Zei

pubblicato martedì 23 giugno 2020 alle ore 09:48:16


DISSALATORE,  ALL'ELBA   CON

 



 



  A qualcuno doveva pur restare il  cerino  acceso in mano quando, dopo le altalenanti decisioni sull’ approvvigionamento idrico  tra i vari Comuni dell’Elba, altri dall’ esterno hanno deciso per tutti.



D’altra parte, era anche prevedibile, dal punto di vista della ASA e dell’impresa  aggiudicataria, l’ interesse ad  installare un dissalatore in una comoda area  sulle                          coste elbane più pianeggianti.  Si tratta però di un luogo che  per la particolarità                   ambientale   della zona prescelta, confligge  in senso generale soprattutto con le  esigenze turistico-economiche  dell’ intera Isola.



 



La scelta  del luogo – L’ area preferita e ottenuta  per la realizzazione dell’ impianto di dissalazione è stata quella alle spalle della  spiaggia  del Lido di Capoliveri, indicata  in figura; spiaggia  che per la magnificenza orografica e marina  di contorno,  non ha bisogno di  commenti per comprendere il danno economico  e paesaggistico arrivato  dal ”continente” sotto le apparenze di un rimedio  che nella sostanza si rivelerà molto   peggiore dello stesso  male.



Come si vede in figura, la spiaggia è incastonata, similmente ad un  gioiello,  all’ interno di un lungo  golfo chiuso da tre lati. Si tratta di un’ area delicata che non potrà essere immunizzata dall’ inevitabile inquinamento del dissalatore.



Infatti, le scorie saline di funzionamento dovranno comunque essere smaltite.  Ma dove?   In mare,   potrebbe essere la pronta  risposta.   In mare a largo, scaricate da una bettolina? Niente di tutto questo. Partirà dalla spiaggia una tubatura sottomarina in pianta stabile attraverso  la  quale verrà fatta defluire la salamoia ricavata da  circa   80 litri al secondo di acqua di mare.



Ma allora da dove viene prelevata l’ acqua per la dissalazione? Semplicemente dal tratto  di mare davanti alla stessa spiaggia.



Si potrebbe allora pensare    quantunque  i punti di prelievo e di scarico salino possano essere distanti tra loro, che questi  non potranno non  risentire in special modo durante  le mareggiate da  scirocco,   l’ effetto   di qualche rientro da una parte di  ciò che  esce dall’ altra. Ma non finisce qui.



 Da notizie assunte  nel luogo,   vi sarebbe  un altro  e ben più delicato problema da chiarire,  rappresentato dai liquami di tutti i generi che fuoriescono  dal condotto di  fognatura sottomarina che convoglia gli scarichi dei numerosi  insediamenti  abitativi  del    circondario a qualche centinaio di metri dalla spiaggia del Lido,   sul lato ovest  delle  medesime  acque del golfo.    Ma dove esattamente? 



 



L’ intossicazione salina



L’aumento  del rapporto salino inevitabilmente causato per un motivo  o per un altro dal  dissalatore nel mare antistante,  è destinato ad  un progressivo e cronico avvelenamento di tutta la vegetazione e della  fauna ittica presente nell’insenatura  con conseguenze facili da immaginare anche altrove.



 Tali considerazioni non  provengono da previsioni pessimistiche indimostrabili ma dall’analisi statistica effettuata sulle conseguenze rilevate in altri siti in cui sono stati installati simili sistemi di dissalazione a “osmosi inversa", come quello di cui si parla.



Nel caso della campagna di Mola  comprendente i terreni  circostanti al dissalatore, non occorre lungimiranza per  prevedere  che il sale trasportato dalle acque residue dell’ impianto si infiltrerà nelle falde presenti nel sottosuolo. Si verificherà così la salinizzazione della zona interessata   con i devastanti effetti agricoli anche al di fuori del  circondario.



 



 



Le problematiche sollevate intorno al dissalatore  di Mola necessitano altre precisazioni che per non appesantire l’ articolo, saranno pubblicate nei prossimi giorni.



 



 




« indietro - nuova ricerca

IN PRIMO PIANO

 

INAUGURATO UN GRAN BEL PRONTO SOCCORSO di Francesco Semeraro :



Ora però bisogna concentrarsi a farlo funzionare con un numero di medici e infermieri adeguati e con servizi di supporto come [...]


 

PUBBLICHIAMO QUESTO POST DA "CAMMINADO" PERCHE' SEMBRA SCRITTO DA "ELBA 2000" Le cose che il Movimento ripete da oltre 20 anni.:



Da camminando DISSALATORE business milionario da dalla colonia dell'Elba pubblicato il 25 Giugno 2020 alle [...]


 

LE PREVISIONI METEO UN PO’ SBAGLIATE di Giovanni Fratini:



Domenica scorsa Toscana notizie ci informava che la “Sala operativa unificata della Regione”aveva emesso un codice [...]


 

DISSALATORE, ALL'ELBA CON "IL CERINO ACCESO IN MANO" Tra ricorsi e controricorsi il TAR al momento ha accolto le motivazioni della ASA, tanto che i lavori per l’ installazione del dissalatore di Mola dovrebbero riprendere in questi giorni di Alberto Zei :



A qualcuno doveva pur restare il cerino acceso in mano quando, dopo le altalenanti decisioni sull’ [...]


 

PARLIANO ANCORA UNA VOLTA DI PIANOSA , CON DUE VECCHI ARTICLI RIPROPOSTI DA FACEBOOK E ANCHE PERCHE' SAREBBE TORNATA LA FOCA MONACA :



COSA FARE DI PIANOSA RIMANE UN PROBLEMA IRRISOLVIBILE di G. Muti pubblicato venerdì 19 giugno 2015 alle ore 23:43:04 Gli [...]


 

LIONS CLUB I. D’ELBA Consegna di una poltrona oncologica all’Ospedale di Portoferraio :



Con la consegna di una poltrona oncologica all’Ospedale di Portoferraio si conclude l’attività [...]


 

ALTRI PROBLEMI PER LA COSTRUZIONE DEL DISSALATORE DI MOLA. IL COMUNE VIETA I RUMORI MOLESTI E SPOLVERAMENTO:



La Giunta guidata dal sindaco Andrea Gelsi nel corso della seduta del 15 giugno scorso ha deliberato l’adeguamento della disciplina [...]


 

LO STEMMA DI RIO DELL’ELBA: LA TORRE IL MARE E LA MINIERA di G.Muti:



Visto che a Rio si sta scegliendo lo stemma comunale [...]


 

© 2020 ELBA NOTIZIE di Giovanni Muti - Via Giagnoni, 5 - 57037 Portoferraio (LI) - p.iva: 01631950498 - info@elbanotizie.it note legali