Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
Elba notizie
Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
cerca nel sito »

informazioni »


 


STAMPA LOCALE

Camminando »

L'Altroparco »

Teleelba »

 


STAMPA NAZIONALE

Associazione Culturale  »

Corriere della sera »

Il sole 24 ore »

Repubblica  »

IN PRIMO PIANO

 

MAGO CHIO' Vita e leggenda del Primo free - climber del Mondo di Giuliano Giuliani:




Mago Chiò era vissuto nella seconda metà dell’Ottocento. Nato a Portoferraio nell’Isola d’Elba qualche anno dopo l’Unita d’Italia in una delle vie più antiche della vecchia Cosmopoli ( nome che fu affibbiato alla città nei primi tempi della sua costruzione


 

“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno:




“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno che l’Editore il, Foglio Letterario di Piombino, ha portato alla Fiera del Libro di Torino.


 

IL FANTASTICO VIAGGIO DEL COMANDANTE GRASSI:




RACCONTO DI UN VIAGGIO IN CINA


 

Nuovo libro di Marcello Camici:




Nuovo libro di marcello Camici


 

Affari e politica a Portoferraio di Giovanni MUTI:




Questo libro è per la verità e la giustizia!

Vittorio Sgarbi


 

Giuliano Giuliani "AFFANDAMENTO DELL'ANDREA SGARALLINO" :




la ricostruzione attraerso la voce dei protagonisti della più grande tragedia che abbia colpito una nave civile nel mediterraneo durante nell'ultimo comflitto mondiale


 

“BALENE ALL’ELBA” :





Balene all’Elba è il titolo di un libro di Antonello Marchese, adesso in vendita nelle librerie. Fin dalla presentazione che si è tenuta alla Gran Guardia di Portoferraio, ha suscitato un grande interesse.


 

IL NUOVO LIBRO DI LEONIDA FORESI:




UNA PARTE IMPORTANTE DELLA NOSTRA MEMORIA


 

una pubblicazione di Marcello Meneghin "ACQUEDOTTI Realtà e futuro" la descrizione documentata delle incongruenza degli acquedotti italiani culminante in perdite occulte pari alla metà dell’acqua totale prodotta,:




.


 

LA TRASFORMAZIONE DELL'AMBIENTALISMO IN UN MOVIMENTO A PREVALENZA FEMMINILE ARRIVA DA LONTANO

pubblicato mercoledì 2 ottobre 2019 alle ore 10:48:24


 LA TRASFORMAZIONE DELL'AMBIENTALISMO   IN UN  MOVIMENTO  A  PREVALENZA  FEMMINILE    ARRIVA DA LONTANO

 



L’intervento di Marco  Sollapi   sul cambio di  sesso  del movimento ambientalista, solleva  certi aspetti  di  questo  fenomeno  molto interessante  sui  quali  avremmo  qualcosa da  dire, per il momento   vorremmo    limitarci a  dire  che  questo movimento  lento, ma  determinato, arriva  da  lontano   come  molte  trasformazioni che  avvengo   in diversi settori della società. L’articolo che segue,   scritto    da " ELBA 2000",  è   del  2007   e  fu pubblicato su   Tenews.   



 



 



 



Da:         "elba2000@katamail.com"  



A:            redazione@teleelba.tv  



Oggetto:              L'ambientalismo cambia sesso?



Data:     Lun, 2 Lug 2007 17:18:16



 



 



L'AMBIENTALISMO  STA LENTAMENTE CAMBIANDO SESSO?



 



Diciamo questo perché una serie di segnali ci dicono  che l'ambiente e,  se vogliamo, l'ambientalismo   si sta rivelando  un campo più  vicino alla sensibilità femminile. Quest'anno,  due   paesini della costa maremmana hanno ottenuto   le cinque vele. E' l'ambitissimo riconoscimento che viene assegnato a chi riesce ad  amministrare secondo i principi dell'ambientalismo  più ortodosso. E questo non è tutto: è  il secondo anno consecutivo  che centrano questo obiettivo. E si tratta di  comuni   diretti da  donne.



 



Il Parco dell'Arcipelago Toscano   assegna   due posti  importanti:  la vicepresidenza (in lizza due donne) e la direzione tecnica. Ci si piazzano saldamente  due  donne. La provincia di Livorno deve scegliere l'assessore all'ambiente  e sceglie  una donna.  All'Elba,   ancora  due donne in  posti chiave: una  ha la  direzione  del WWF e  l'altra (bella signora)  ha in mano la protezione degli uccelli(LIPU).  Sono segnali inequivocabili.



Non si può escludere che in futuro vedremo  riunioni  al vertice  su temi ambientali    partecipati da sole donne (esclusa  Legambiente,  che rimane ostinatamente  maschia, anche se con  qualche sofferenza).



 



Per carità, nulla di male in questo. Da sempre nella storia la società  è cresciuta assegnando all'uomo e alla donna  ruoli  diversi (es. soldato maschio, crocerossina  femmina, stilista  invece è neutro). Nulla di strano se l'ambiente si rivelasse un campo più adatto  alla sensibilità femminile.Ma, direte voi,   quale importanza può avere  una forte presenza femminile alla direzione del Parco e, più in generale, il fatto che l'ambiente, alla lunga,  possa diventare femmina?  Per noi nulla, l'ambiente  rimarrà  una cosa importante, come le donne. Il Parco dannoso e costoso come   un  carrozzone.



 



Ma non la pensano tutti così. E le maggiori  perplessità  arrivano  proprio dagli ambientalisti.  Soprattutto    dagli  ex comunisti rivoluzionari  che, dopo il crollo dei muri e delle illusioni rivoluzionarie  e  in mancanza di altre cause  a portata di mano,   hanno scelto di continuare la lotta in difesa dell'ambiente, ma  trovandosi di fatto  a  occuparsi di gigli, di farfalline , di   rospi e, addirittura,  a  raccattare (oibò!)  preservativi e cotton fioc sulle spiagge ("rac -coglioni", secondo l'ingenerosa definizione  di Elba 2000).



E questo per loro  è inaccettabile:  vorrebbero  mantenere l'immagine  di maschi    dai modi rudi  che, in passato, nelle calde notti    delle feste dell'Unità,  sbranavano  quarti  di pollo fritti  e ruttavano alla luna.  Uno  psicodramma  che  mette in crisi  la  loro identità e autostima.  Insomma,  chi sono io?    Un rude   gladiatore  dell'ambiente  o  una mammoletta    tutta  rucola e zucchini?



 



Ha incominciato la stampa pompatora   scrivendo (con la consueta  finezza ed eleganza) che il ministro  dell'ambiente  non poteva  mandare  a dirigere i parchi  nazionali delle " belle tope”  e neanche dei "federasti".    Come dire: ci vogliono maschioni. Il problema è stato  poi sollevato  in modo drammatico dallo stesso Mazzantini   che rispondendo   alla solita insinuazione  sulla presunta  ambiguità  di genere  degli  ambientalisti, ha voluto rivendicare, giustamente diciamo noi,  la propria mascolinità:  "Occhio.  Io atterro cinghiali  e stacco le code alla vipere. Ho   fatto   per 8 anni il palombaro e per  10 il  boscaiolo   (cazz!). Per chi  mi avete preso?   Per un molliccione  qualsiasi? E avrebbe  potuto aggiungere: "Sono piccolo,  ma cazzuto"  E avrebbe avuto ragione.



 



Ma, al di là di questi legittimi  mugugni, il processo  di femminilizzazione del movimento ambientalista   è un problema che ci riguarda e ci "perplime" (direbbe qualcuno). Ma non per le ragioni   che preoccupano gli ambientalisti (quelli maschioni).  Noi,    di Elba  2000,per oltre un decennio,   ci siamo divertiti  a prendere   di mira  l'ambientalismo collaborazionista locale.  Adesso,  se questo processo di trans - formazione  si consolidasse, il divertimento  diminuirebbe perché non  si possono prendere per  le mele delle signore.   Almeno non lo si può fare   quando si fa satira politica.



 



                                                                                                                            Movimento Elba 2000




« indietro - nuova ricerca

IN PRIMO PIANO

 

NON ESISTE LA CRISI DEL MERCATO IMMOBILIARE:



Portoferraio, 14 ottobre 2019 “La crisi del mercato immobiliare? Non esiste, è soltanto qualcosa che si continua a [...]


 

NUOVO SERVIZIO ALLA CHIESA DI SAN GIUSEPPE DI PORTOFERRAIO:



Un nuovo servizio di rilascio documenti religiosi presso la Chiesa di San Giuseppe Scritto da Parrocchia di San Giuseppe Lunedì, 14 Ottobre [...]


 

ROSSELLA CELEBRINI PRESIDENTE DEL SOROPTIMIST INTERNATIONAL CLUB:



"Passaggio della Campana" al Soroptimist International Club Isola d'Elba Scritto da Soroptimist International Club Isola d'Elba [...]


 

ARCHIVIO EVE: LA GIUNTA DI PORTOFERRAIO NON HA SALVATO UN BEL NIENTE di Giampiero Palmieri :



Caro Alberto Fratti, [...]


 

RIO MARINA, CANOVARO COMMENTA L'ASSEMBLEA PUBBLICA ORGANIZZATA DALL'AMMINISTRAZIONE CORSINI:



Dall’intervento del Sindaco Corsini all’assemblea pubblica di venerdì scorso, abbiamo compreso tre cose: la prima, che prima [...]


 

OGGI SU “ UN GIORNO…… UNA PAGINA” Maria Gisella Catuogno con il suo romanzo “RITRATTI - Profili di ieri e di oggi”:



Le pagine che seguono sono tratte da uno dei racconti contenuti nell’ultima mia pubblicazione, uscita nel maggio scorso, [...]


 

L'INCREDIBILE DOPPIA VITA DI VIALE ZAMBELLI di Riccardo Nurra:



Nessuno se lo sarebbe aspettato, ma quel tratto [...]


 

LA TRASFORMAZIONE DELL'AMBIENTALISMO IN UN MOVIMENTO A PREVALENZA FEMMINILE ARRIVA DA LONTANO :



L’intervento di Marco Sollapi sul cambio di sesso del movimento ambientalista, solleva certi [...]


 

© 2019 ELBA NOTIZIE di Giovanni Muti - Via Giagnoni, 5 - 57037 Portoferraio (LI) - p.iva: 01631950498 - info@elbanotizie.it note legali