Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
Elba notizie
Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
cerca nel sito »

informazioni »


 


STAMPA LOCALE

Camminando »

L'Altroparco »

Teleelba »

 


STAMPA NAZIONALE

Associazione Culturale  »

Corriere della sera »

Il sole 24 ore »

Repubblica  »

IN PRIMO PIANO

 

MAGO CHIO' Vita e leggenda del Primo free - climber del Mondo di Giuliano Giuliani:




Mago Chiò era vissuto nella seconda metà dell’Ottocento. Nato a Portoferraio nell’Isola d’Elba qualche anno dopo l’Unita d’Italia in una delle vie più antiche della vecchia Cosmopoli ( nome che fu affibbiato alla città nei primi tempi della sua costruzione


 

“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno:




“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno che l’Editore il, Foglio Letterario di Piombino, ha portato alla Fiera del Libro di Torino.


 

IL FANTASTICO VIAGGIO DEL COMANDANTE GRASSI:




RACCONTO DI UN VIAGGIO IN CINA


 

Nuovo libro di Marcello Camici:




Nuovo libro di marcello Camici


 

Affari e politica a Portoferraio di Giovanni MUTI:




Questo libro è per la verità e la giustizia!

Vittorio Sgarbi


 

Giuliano Giuliani "AFFANDAMENTO DELL'ANDREA SGARALLINO" :




la ricostruzione attraerso la voce dei protagonisti della più grande tragedia che abbia colpito una nave civile nel mediterraneo durante nell'ultimo comflitto mondiale


 

“BALENE ALL’ELBA” :





Balene all’Elba è il titolo di un libro di Antonello Marchese, adesso in vendita nelle librerie. Fin dalla presentazione che si è tenuta alla Gran Guardia di Portoferraio, ha suscitato un grande interesse.


 

IL NUOVO LIBRO DI LEONIDA FORESI:




UNA PARTE IMPORTANTE DELLA NOSTRA MEMORIA


 

una pubblicazione di Marcello Meneghin "ACQUEDOTTI Realtà e futuro" la descrizione documentata delle incongruenza degli acquedotti italiani culminante in perdite occulte pari alla metà dell’acqua totale prodotta,:




.


 

DISSALATORE - IL NO MOTIVATO DA TRE SEMPLICI RAGIONI di Marcello Meneghin

pubblicato domenica 24 marzo 2019 alle ore 11:41:39


DISSALATORE  -  IL NO MOTIVATO DA TRE SEMPLICI RAGIONI
di Marcello Meneghin

Si continua a discutere sulla costruzione del dissalatore di Mola ed io vorrei aggiungere le seguenti tre considerazioni molto semplici



 



1) IL BUON SENSO



2) L’ETICA PROFESSIONALE



3) LE DISPOSIZIONI DI LEGGE SULLA COSTRUZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE 



 



Per rendere più facile la comprensione dei due primi punti partirei dall’esempio di un cittadino che intraprendesse la costruzione di un edificio a più piani fuori terra senza aver deciso cosa verrà ricavato ai piani superiori e quindi presentando per il rilascio della concessione edilizia soltanto il progetto del piano terra. Anche lo stesso progettista si rifiuterebbe di redigere un elaborato senza senso e che non sarebbe sicuramente approvato trattandosi di un progetto assolutamente incompleto . La stessa cosa sta accadendo per il dissalatore di Mola dove si inizierà tra breve la costruzione el primo lotto di dissalazione dell’acqua del mare per immetterla nell'acquedotto e distribuirla ai cittadini elbani. Sostengo a ragion veduta che si tratta di un primo lotto per la costruzione di apparecchiature per produzione di acqua potabile con una portata di soli 40 l/sec essendo con chiarezza  stabilito e pubblicato più e più volte nella stampa che ne farà seguito un secondo lotto e forse anche anche un terzo lotto di dissalatori ognuno dei quali dovrebbe avere una identica portata di 40 l/sec. Così come il cittadino prima indicato non sapeva nulla dei piani superiori della sua casa, analogamente si sa ben poco dei due ulteriori lotti e soprattutto dell’insieme dei tre lotti per una portata totale presunta di 120 l/sec. Infatti non si sà dove quest'acqua verrà prodotta, dove essa sarà immessa se in rete o se in serbatoi di cui nulla è stato detto. In dettaglio quello che, almeno chi scrive, non riesce ad immaginare è quello che accadrà dell’acqua che sarà prodotta per 120 l/sec nelle ore o nelle giornate di bassi consumi visto e considerato che non esistono all'Elba serbatoi in grado di accumularla. Sembra si sia deciso che si proceda allo stop di uno .di due oppure di due oppure di tutti e tre i dissalatori tutte le volte che l’acqua prodotta non sarà accettata dalla rete ma anche in questo caso nulla è stato precisato riguardo il funzionamento di macchinari molto complessi che dovranno essere stoppati e e rimessi in funzione a ripetizione. In poche parole la similitudine tra l’edificio di cui si è parlato prima ed il dissalatore di Mola è abbastanza stretta. E’ anche doveroso segnalare che, con il primo dissalatore si inizia una modalità di esercizio degli acquedotti elbani molto innovativa, molto complessa e molto costosa per cui non è ammissibile che essa trovi il suo debutto nella incertezza o addirittura nella totale mancata conoscenza di dettagli fondamentali.



La cosa viene in maniera definitiva chiarita dalle disposizioni di legge ed in particolare dal seguente paragrafo di cui si riportano estremi e contenuto letterale



 



Decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010. n. 207



Regolamento di esecuzione ed attuazione…………..recante “Codice dei contratti pubblici relativi a lavori,servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18 CE



 



(pubblicato nella G.U n. 288 del 10/12(2010 – suppl. ord. n. 3270n in vigpore dal 09.06.201119



 



Art. 10



funzioni e compiti del responsabile del procedimento



(ART. 8 D.P.R. N 554. 1999)



 



[1] Il responsabile del procedimento fra l’altro:



a) promuove e sovrintende agli accertamenti ed alle indagini preliminari idonei a consentire la verifica della fattibilità tecnica, economica ed amministrativa degli interventi



b)……………..



……………….



 



p) nel caso di lavori eseguibili per lotti, accerta e attesta:





  1. l'avvenuta redazione, ai fini dell'inserimento nell'elenco annuale della progettazione preliminare , dell'intero lavoro e della sua articolazione per lotti;




  2. la quantificazione , nell’ambito del programma e dei relativi aggiornamenti, dei mezzi finanziari necessari per appaltare l’intero lavoro;




  3. l’idoneità dei singoli lotti a costituire parte funzionale , fattibile e dell'intero intervento .





 



Risulta chiaramente che il regolamento sulla costruzione delle opere pubbliche in Italia prescrive che non si possano costruire opere per lotti successivi senza che sia stata preventivamente  redatta ed approvata la progettazione preliminare relativa all’intera opera fatta salva la possibilità di suddividerla, ad approvazione avvenuta, in lotti successivi. Si può quindi affermare che nel caso di Mola non si è mai avuta notizia della approvazione preliminare dello studio della dissalazione completa e definitiva che comprenda l’intera produzione dei 120 l/sec. dichiarati necessari affinché l’Elba possa passare all’uso intensivo di acqua dissalata dal mare.



Fermo restando che sarebbero le previsioni di legge a prevalere sulle motivazioni, visto che i progettisti del dissalatore di Mola avranno senza dubbio ottenuto tutte le approvazioni necessarie per iniziare tra poco la costruzione di Mola, a giudizio di chi scrive è sufficiente la prima delle tre considerazioni scritte nella parte iniziale di questa nota per poter asserire che, sulla sola base del buon senso, un dissalatore come quello di Mola non può assolutamente essere costruito senza aver in dettaglio verificato dal punto di vista tecnico ed economico la futura gestione del servizio idropotabile elbano nell’ipotesi che la sua alimentazione sia per 120 l/sec attuata con acqua marina desalinizzata .



 




« indietro - nuova ricerca

IN PRIMO PIANO

 

I VOLUMI D'ACQUA POTABILE DELL'ELBA CHE FIGURANO IN OGNI DOVE E PERFINO NEI DOCUMENTI UFFICIALI : NIENTE DI PIU' INGANNEVOLE ! di Marcello Meneghin:



Sono pubblicati fior di conteggi che riguardano il sistema di alimentazione idropotabile dell’isola d'Elba essendo stati redatti [...]


 

ANDREA GELSI E' IL NUOVO SINDACO DI CAPOLIVERI:



Andrea Gelsi è il muovo sindaco di Capoliveri. Lo scrutinio ha dato questo risultato: ANDREA [...]


 

BARBETTI SCRIVE ALLA REGIONE, “L’ACCORDO DI PROGRAMMA PER L’AUTONOMIA IDRICA DELL’ISOLA D’ELBA È INACCETTABILE, SE NECESSARIO RICORREREMO ALL’AUTORITÀ GIURISDIZIONALE”.:



Il Sindaco di Capoliveri, Ruggero Barbetti, con una lettera in data odierna, ha scritto al Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, [...]


 

SUL PROBLEMA DEL DISSALATORE RUGGERO BARBETTI SCRIVE AL PREFETTO :



Dissalatore: Barbetti scrive al Prefetto Scritto da Ruggero Barbetti Sabato, 01 Giugno 2019 16:03 Egr. Sig. Prefetto, con nota [...]


 

Isola d’Elba, giù un medico dall’ambulanza; Marchetti (FI) «Inaccettabile disparità nell’organizzazione del servizio di 118 Medici e infermieri entrambi indispensabili e non interscambiabili» :



Interrogazione del Capogruppo regionale di Forza Italia Maurizio Marchetti «Voglio che la Regione [...]


 

DISSALATORE, INCREDIBILE COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DELL'ELBA:ARROGANZA ISTITUZIONALE E DELIRIO ELETTORALE di Paola Mancuso:



Arroganza istituzionale e delirio elettorale Sento il dovere di intervenire visto che qualcuno questa mattina ha pensato bene di inviare una [...]


 

ANGELO ZINI E' IL NUOVO SINDACO DI PORTOFERRFAIO:



PORTOFERRAIO — Angelo Zini è il nuovo sindaco di Portoferraio. Ha infatti ottenuto 2489 preferenze [...]


 

CLAUDIO DE SANTI SPIEGA L'IMPORTANZA DEL PROGETTO ELBA SHARING:



“Il progetto Civitas Destinations Elba Sharing va portato avanti e completato, ma va rivisto nella distribuzione dei costi di gestione [...]


 

© 2019 ELBA NOTIZIE di Giovanni Muti - Via Giagnoni, 5 - 57037 Portoferraio (LI) - p.iva: 01631950498 - info@elbanotizie.it note legali