Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
Elba notizie
Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
cerca nel sito »

informazioni »


 


STAMPA LOCALE

Camminando »

L'Altroparco »

Teleelba »

 


STAMPA NAZIONALE

Associazione Culturale  »

Corriere della sera »

Il sole 24 ore »

Repubblica  »

IN PRIMO PIANO

 

“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno:




“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno che l’Editore il, Foglio Letterario di Piombino, ha portato alla Fiera del Libro di Torino.


 

Nuovo libro di Marcello Camici:




Nuovo libro di marcello Camici


 

Affari e politica a Portoferraio di Giovanni MUTI:




Questo libro è per la verità e la giustizia!

Vittorio Sgarbi


 

Giuliano Giuliani "AFFANDAMENTO DELL'ANDREA SGARALLINO" :




la ricostruzione attraerso la voce dei protagonisti della più grande tragedia che abbia colpito una nave civile nel mediterraneo durante nell'ultimo comflitto mondiale


 

“BALENE ALL’ELBA” :





Balene all’Elba è il titolo di un libro di Antonello Marchese, adesso in vendita nelle librerie. Fin dalla presentazione che si è tenuta alla Gran Guardia di Portoferraio, ha suscitato un grande interesse.


 

IL NUOVO LIBRO DI LEONIDA FORESI:




UNA PARTE IMPORTANTE DELLA NOSTRA MEMORIA


 

una pubblicazione di Marcello Meneghin "ACQUEDOTTI Realtà e futuro" la descrizione documentata delle incongruenza degli acquedotti italiani culminante in perdite occulte pari alla metà dell’acqua totale prodotta,:




.


 

IL FANTASTICO VIAGGIO DEL COMANDANTE GRASSI:




RACCONTO DI UN VIAGGIO IN CINA


 

La scomparsa dell'On. Matteoli. Ruggero Barbetti: "E' stata una lunga notte che non sembrava finire mai" di Ruggero Barbetti

pubblicato martedì 19 dicembre 2017 alle ore 14:33:33


 La scomparsa  dell'On. Matteoli. Ruggero  Barbetti:

 



Ieri una telefonata, di quelle che non vorresti ricevere in nessun caso, mi ha lasciato senza fiato facendomi sprofondare in un dolore non descrivibile.



Altero Matteoli era il mio mèntore.



Era stato amico di mio padre con cui condivideva la militanza politica e insieme si erano candidati alle Regionali del 1970. Il mio percorso politico è stato diverso, ma nel 1997 ci siamo incontrati in Alleanza Nazionale e da li in poi il nostro rapporto si è rafforzato sempre di più.



Ho sempre sentito la sua fiducia: era palpabile, reale. Nella bella e nella cattiva sorte.



Grazie a lui ho potuto ricoprire per 4 anni, dal 2002 al 2006, la carica di Commissario del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano. Un onore per me e un'opportunità per gli elbani. In quel periodo, grazie a lui, arrivarono all'Elba oltre 60 milioni di euro, la maggior parte dei quali utilizzati per la messa in sicurezza idrogeologica dell'isola.



Altero, un nome difficile da portare. 



I primi anni che ho iniziato a frequentarlo non riuscivo a capire le sfumature nelle sue parole, nei suoi silenzi, nei suoi sguardi. Quando uscivo da un colloquio con lui, non sapevo mai interpretare come era andata. 



Poi con il tempo il nostro rapporto è diventato sempre più intenso e lui per me è diventato un libro aperto. Mi bastava solo un suo sguardo per capire cosa stava pensando ed ero entrato a far parte di quella stretta cerchia di persone che, senza timore, potevano dirgli quello che pensavano.



Era un politico di razza: lascia un vuoto difficile da colmare sul piano politico nazionale che perde un uomo coerente, sincero, leale, equilibrato e molto pragmatico.



Aveva una visone del modo di fare politica di vecchio stampo, molto poco social ma voleva stare tanto in mezzo alla gente. I comizi e le campagne elettorali erano la sua linfa vitale. Che ci fossero mille persone o dieci per lui era uguale. Il programma e l'attenzione verso la gente non cambiava. Veniva dall'esperienza del M.S.I. dove in piazza ad ascoltare i comizi ci andavano più facilmente dieci persone anzichè le folle degli ultimi anni.



Riceveva tutti, parlava con tutti. Il suo telefono era sempre accesso e rispondeva a tutte le chiamate. Se era impegnato ti richiamava. 



Non usava la rubrica telefonica, ma ricordava tutti i numeri di cui aveva bisogno. Aveva una memoria smisurata.



Durante un colloquio, di persona o telefonico, ad un certo punto diceva "va boh". "Va boh" voleva dire che il tempo era scaduto e che aveva capito l'argomento e che non era necessario ripetere gli stessi ragionamenti. 



Potrei raccontare mille aneddoti sull'uomo e sul politico, ma mi voglio soffermare sulla nostra sfera personale. Altero non era solo il mio mèntore. Il nostro rapporto era iniziato come politici, io giovane sindaco di Capoliveri e lui dirigente di A.N. e parlamentare già di lunga data. Negli anni questo rapporto è cambiato molto, è diventato un rapporto complesso, difficile da descrivere. Ho conosciuto e frequentato i suoi adorati figli, la sua famiglia e lui ha fatto lo stesso con la mia: ogni volta che ci vedevamo mi chiedeva in che parte del mondo fossero i miei figli. Ieri non è scomparso solo un grande uomo politico, ma io ho perso un grande amico, un fratello maggiore e anche un pò un padre, almeno politico.



L'ultima volta che sono andato a trovarlo al Senato, nel suo ufficio di Presidente dell'8° Commissione, è stato il giorno in cui è stata approvata la nuova legge elettorale. Abbiamo parlato un pò e mi ha detto delle cose molto belle su cosa pensasse di me e di quanto alta fosse la sua considerazione nei miei confronti sia come uomo, sia come suo amico sia come suo discepolo. Parole che non mi aveva mai detto ma che io sapevo che lui pensava perchè me lo aveva già dimostrato mille volte. Dopo siamo andati a bere un caffè alla buvette del Senato e in quei corridoi e in quelle sale lui era la star. Un uomo di grande potere che però non aveva mai dimenticato le sue origini di uomo di provincia e soprattutto non aveva mai dimenticato i suoi amici di una vita.  Non lo dimenticherò mai”.



 



Ruggero Barbetti



 




« indietro - nuova ricerca

IN PRIMO PIANO

 

L'EX SINDACO DI PORTOFERRAIO GIOVANNI FRATINI, FA ALCUNE DOMANDE ALL'ATTUALE SINDACO DI PORTOFERRAIO MARIO FERRARI :



Caro Sindaco, scusami, ma sento il bisogno, come semplice cittadino che ha il “vizio” di seguire con una certa attenzione le vicende [...]


 

LA SCOMPARSA DI GINO BRAMBILLA:



PORTOFERRAIO — Ieri, martedì 1 Gennaio 2019, e deceduto Gino Brambilla, classe 1928, milanese di origini si [...]


 

SCENARI COMPLESSI SI APRONO IN VISTA DEL RINNOVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DI PORTOFERRAIO, DOPO IL FALLIMENTO DELLA MAGGIORANZA IN CARICA di Danilo Alessi :



A pochi mesi dal voto per il rinnovo del consiglio comunale, a Portoferraio l’unica cosa certa è il progressivo disfacimento [...]


 

COPERTE DORATE E CIOCCOLATINI di G.Muti:



Il colore della pelle dei neri fa pensare al cioccolato. I neri in America, [...]


 

SI E' CONCLUSA DOPO 20 ANNI LA VICENDA GIUDIZIARIA DEL PRIMARIO TAGLIAFERRI LICENZIATO PER MANCATA ATTIVAZIONE DELLA TAC ALL'ISOLA D'ELBA :



Non attivò la TAC all'Elba, la Cassazione (dopo 20 anni) gli dà torto Scritto da Notizie USL Lunedì, 07 Gennaio 2019 [...]


 

OLTRE IL CANCELLO, IL POTERE DEI GILET GIALLI A PORTOFERRAIO di G.Muti:



Ho assistito, per pure caso, a questa scena che si svolta davanti al [...]


 

PORTOFERRAIO, IL SINDACO FERRARI RASSICURA I DIPENDENTI DELLA COSIMO DE MEDICI :



Il sindaco di Portoferraio Mario Ferrari ha incontrato nella mattinata di lunedì 31 dicembre una folta delegazione dei dipendenti della [...]


 

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, QUANTO CI COSTA? di Andrea Ghini :

(Quello che segue è il secondo articolo che andrea Ghini pubblica Elba Notizie. [...]


 

© 2019 ELBA NOTIZIE di Giovanni Muti - Via Giagnoni, 5 - 57037 Portoferraio (LI) - p.iva: 01631950498 - info@elbanotizie.it note legali